Feyenoord straripante a Nijmegen. La gioventù di Koeman affonda 3 a 0 il NEC

Boetius, man of the match di NEC-Feyenoord
Nella partita di mezzogiorno della 25° giornata di Eredivisie si affrontano NEC Nijmegen e Feyenoord. Le compagini occupano entrambi la colonna destra della classifica, ma arrivano a questa sfida con obiettivi ed ambizioni diverse: i padroni di casa giocano per non mollare la zona play off e continuare a cullare il sogno dell'Europa, mentre gli ospiti tentano l'assalto alla vetta. 
La sfida si preannuncia entusiasmante: Pastoor schiera il suo NEC con un 4 - 3 - 3 classico, composto da Babos in porta, Bovenberg, Breur, Van Eijden ed Amieux in difesa, Falkenburg, Pàlsson e Koolwijk a centrocampo e George, Platje e Van der Velden in attacco. Analoga disposizione per i ragazzi di Koeman, che tra i pali presentano Mulder, coperto da Janmaat, De Vrij, Mathijsen e Nelom, il quale presidia la fascia sinistra considerata l'assenza per infortunio di Martins Indi. A centrocampo i Rotterdammers si presentano con Clasie e Vilhena in appoggio ad Immers, mentre il tridente è composto da Schaken, Pellè e Boetius. 

La direzione di gara è affidata a Danny Makkelie, il cui fischio di inizio sancisce l'inizio della gara. Già al 6' arriva la prima palla gol per il NEC, che con Pàlsson va alla conclusione dal limite dell'area. Sicuro e attento è Mulder, che blocca in presa plastica. 
Il Feyenoord risponde ed al minuto 10 apre le marcature: De Vrij effettua un incursione centrale, scarica su Immers il quale appoggia a Vilhena che a sua volta fornisce una palla d'oro per Boetius che dal fondo si accentra e batte con un piattone con Babos. 1-0 Feyenoord, la gioventù di Rotterdam colpisce ancora con una splendida azione corale. 
Il Feyenoord domina la scena e al 19' sfiora il vantaggio con Immers, che non sfrutta una preziosa sponda di Schaken e calcia a lato. Il NEC risponde: punizione dalla linea di metà campo, arriva un pallone a spiovere in area, Bovenberg impatta la sfera che si stampa sul palo, con Mulder impotente dopo aver calcolato male la conclusione.
La partita è molto accesa e non mancano le occasioni da ambo le parti: il NEC rischia grosso al 35' quando Pàlsson perde un pallone pericoloso a centrocampo su cui si avventa Vilhena che attacca lo spazio e serve Immers. Il numero 10 però si vede sbarrare la strada della rete da un ottimo Babos che si rifugia in angolo. I ragazzi di Koeman creano molto in attacco, ma nel reparto arretrato si fanno sorprendere e al 40' Falkenburg si divora una palla gol enorme, su occasione causata da una leggerezza in disimpegno di Janmaat.
Il Feyenoord realizza che deve chiudere la pratica NEC al più presto, e così, detto fatto, al 42' Pellè sfrutta un delizioso cross di Schaken e spinge il pallone in rete con un bel colpo di testa. 2-0 Feyenoord, rete numero 19 per Graziano Pellè in questa Eredivisie. I padroni di casa sembrano storditi, Pellè al 43' con una pregevole conclusione dalla distanza sfiora la rete del 3-0, ma l'esperto Babos salva i suoi. La prima frazione di gioco termina così 2-0 per gli ospiti.

La ripresa si apre con un occasione per il NEC, ma Falkenburg non riesce ad accorciare le distanze ed il suo colpo di testa finisce ben alto sopra la traversa. Il Feyenoord però non si fa intimorire e Clasie al 67' dal limite dell'area colpisce il palo esterno con un buon destro. Nuovamente i ragazzi di Pastoor al 72' e al 78' ci provano, prima con il neo entrato Boymans che di sforbiciata colpisce male, poi con Van de Velden, la sua percussione sulla fascia lo libera alla conclusione, ma calcia sul primo palo e Mulder respinge facilmente. La pratica NEC viene definitivamente archiviata al 83': Boetius sigla la doppietta personale con una pregevole conclusione dai 20 metri. Il pallone rasoterra si infila alle spalle di un comunque irreprensibile Babos. 3-0 Feyenoord, giornata fantastica per Boetius. 

La gara è stata meno equilibrata del previsto, visto che il Feyenoord ha schiacciato il NEC agevolmente. I ragazzi di Pastoor possono rimproverarsi per non aver sfruttato la doppia occasione di Falkenburg, unici veri squilli di una gara incolore. I più positivi di questa partita sono stati Boetius, autore di una doppietta e di tante buone cose sulla fascia sinistra, Vilhena, che con la grande maestria, degna di un veterano, con cui dirige la manovra del Feyenoord, oltre al delizioso assist per la prima rete dei Rotterdamers, acquista stima giorno dopo giorno. Infine, note di merito per il nostro Graziano Pellè, fattosi valere, oltre che per la rete, anche per il grande lavoro di sponda lì davanti e per Babos, unico baluardo del NEC Nijmegen.



Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top