L'Heerenveen affonda il PSV. I Boeren cadono malamente sul campo dei frisoni.

L'Heerenveen festeggia la rete iniziale di de Roon
La capolista PSV Eindhoven affronta, nella 26° giornata di Eredivisie, l'Heerenveen allenato da Marco van Basten.
I Boeren stanno attraversando un periodo altalenante, con la conseguenza che il loro primato in classifica è stato intaccato da Ajax e Feyenoord, che hanno riaperto il campionato.
La trasferta all'Abe Lenstra non è delle più facili: la squadra allenata dal cigno di Utrecht può contare su un Finnbogason in forma smagliante e vero trascinatore dei frisoni in una stagione in chiaro-scuro. Come già detto tante volte, le cessioni estive di Dost, Assaidi e Narsingh, ceduto proprio al PSV, hanno ridotto il peso specifico dell'attacco dei De Superfriezen, costretti a salutare, a fine stagione, anche il serbo Djuricic, promessosi al Benfica.
Sotto la direzione dell'arbitro Reinold Wiedemeijer le due squadre danno il via alle ostilità di sabato sera, in anticipo rispetto a tutte le altre rivali per la vittoria finale.
Il PSV parte subito con il piede sbagliato: al 7' El Ghanassy scappa ad Hutchinson sulla fascia di sinistra, mette in mezzo un pallone delizioso, là dove De Roon sopraggiunge ed in spaccata infila l'incredulo Waterman. 1-0 per i frisoni di Van Basten, doccia fredda per il PSV. 
I Boeren soffrono l'avvio scioccante e l'Heerenveen rischia di raddoppiare: al 16' Van Aanholt penetra in area di rigore, salta Derijck, ma la sua staffilata di destro sfiora il secondo palo e si spegne sul fondo. Al 19' è El Ghanassy a sfiorare il vantaggio: l'ala marocchina riceve un buon pallone, arriva nell'area dei Boeren, ma spara malamente su Waterman, che controlla in due tempi. 
Il raddoppio, che era nell'aria, arriva al 38': Finnbogason viene servito ad hoc in mezzo all'area di rigore ma calcia sul portiere che, però, nulla può su El Ghanassy, il cui tap-in è fin troppo facile. Sul 2-0 per l'Heerenveen, sembra notte fonda per il PSV, che torna negli spogliatoi rintronato dal fantastico primo tempo dei padroni di casa.

Advocaat prova a risvegliare i suoi ragazzi con un doppio cambio: dentro, dal primo minuto della ripresa, Matavz ed il rientrante Toivonen, in luogo di Locadia e Hiljemark.
La sostituzione sembra dare quasi subito i suoi frutti, in quanto Toivonen suona la carica con un colpo di testa al 54' che finisce di poco a lato. 
I Boeren, dopo un primo tempo incolore, iniziano un vero e proprio assedio: al 57' Matavz colpisce di testa la traversa, ma i biancorossi del Brabante riescono ad accorciare le distanze solo al 75', quando Kevin Strootman, il migliore dei suoi, dopo una respinta corta della difesa dell'Heerenveen, ribadisce in rete, ponendo le premesse per un ultimo quarto d'ora da brividi.
Advocaat ed i suoi ragazzi, però, devono fare i conti con un prodigioso Nordfelt, che prima salva i suoi su una bella incornata di Marcelo, rifugiandosi in corner, e poi, un minuto dopo, si ripete su di un perentorio colpo di testa di Matavz. Completamente sbilanciato in avanti, il PSV presta il fianco alle ripartenze della squadra di Van Basten, che a tempo scaduto, con Van La Parra e Djuricic, va vicinissima al 3 a 1.

Nel complesso le due compagini si sono divise gli onori nella partita: nel primo tempo ha dominato l'Heerenveen, nel secondo il PSV, ma la differenza sta nella qualità di gioco espressa dalle due squadre. I ragazzi di Van Basten hanno giocato un gran calcio, rapido e cinico al punto giusto, mentre i Boeren più con la forza dei nervi che con le idee stavano per rimettere in carreggiata la partita. Gli alibi di certo non mancano, visto che un giocatore come Lens è determinate per il PSV Eindhoven e la sua sacrosanta squalifica ha senza dubbio complicato le cose ad Advocaat. Tuttavia l'ex CT della Russia può sorridere per aver ritrovato il vice-capitano Ola Toivonen, degente da novembre.
La palma del migliore in campo viene assegnata, ex aequo, proprio a Toivonen, il cui ingresso, insieme a quello di Matavz, ha dato la scossa aI PSV, ed al duo El Ghanassy-Nordfelt, determinante per la vittoria dell'Heerenveen.


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

2 Commenti a quello che hai letto:

  1. ma questo Van Basten allenatore allora com'è?io avevo la sensazione che non capisse nulla.Sbagliavo?

    RispondiElimina
  2. A mio parere l'Heerenveen questa stagione sta facendo quello che può, la rosa risente delle cessioni di Narsingh e Assaidi, i frisoni hanno perso anche Viktor Elm,assolutamente un buon giocatore per la categoria. Van Basten ha ridotto i danni, lavora con il materiale che ha insomma, sta facendo bene a mio parere e il lavoro sugli attaccanti si vede con Finnbogason, assoluto protagonista di questa eredivisie. Se vuoi venire a parlarne su la nostra pagina Facebook o Twitter te ne saremo grati ;) .

    RispondiElimina

Back
to top