Pellè segna ed il Feyenoord va. 4 a 0 al Roda e crisi che sembra essere stata messa alle spalle

Graziano Pellè, autore di 6 degli 8 goal del Feyenoord in Eredivisie
Arriva la seconda vittoria stagionale per il Feyenoord, che al De Kuip ha rifilato quattro gol ad un impotente Roda Jc, mettendosi così alla spalle l’eliminazione in Europa League. Al contrario di quello che farebbe pensare il risultato, la partita non è stata spettacolare, anzi, nel primo tempo il gioco del Feyenoord è stato davvero pessimo.
Koeman deve fare a meno dell’infortunato Clasie, per lui un problema al bicipite femorale. A sorpresa invece Martins Indi (reo di aver fatto l'occhiolino all'Everton) viene relegato in panchina, con Mathijsen ad affiancare capitan de Vrij. A sinistra infatti è confermato ancora una volta Nelom: il terzino, che negli anni passati era una semplice riserva, ma a sorpresa in questo inizio di stagione sembra aver guadagnato un posto da titolare.
Fa scalpore invece la mossa di Ruud Brood, che non schiera negli undici iniziali il bomber Demouge, a favore di Németh.


Fin dalla prime battute il primo tempo è di una mediocrità difficilmente osservabile a questi livelli. I padroni di casa non riescono a creare occasioni, mancando totalmente di gioco e di ritmo. Anche il pubblico, come sappiamo solitamente caldo e generoso, sembra farsi contagiare dalla sonnolenza generale dei propri beniamini, e così al De Kuip si assiste a qualcosa di surreale. Gli ospiti provano ad approfittarne, e cercano di prendere in mano la partita, ma sono davvero poca roba, e nonostante l’impegno e la buona volontà, non impensieriscono mai sul serio gli avversari, anche se sarebbe bastato poco per farlo.
Difatti se la partita si sblocca è solo grazie ad un fortuito episodio: alla mezz'ora Armenteros viene chiaramente steso in area di rigore e l’arbitro indica il tiro dagli undici metri. Non lo batterà Pellè, reduce dall’errore in Europa League contro il Kuban Krasnodar, e anche se il vice rigorista è Vilhena, Koeman ordina che a tirarlo dovrà essere Vormer. Tutto questo ha creato un po’ di confusione, ma il centrocampista mantiene la concentrazione e non sbaglia, segnando così il suo primo gol con la maglia del Feyenoord, proprio contro la sue ex squadra. Al 43’ arriva anche il raddoppio, grazie ad una splendida giocata di Pellè, che al limite dell’area controlla un pallone e con un tiro potente e precisi mette la sfera sotto la traversa, nonostante il muro di avversari davanti a lui. Per il bomber italiano è già il sesto gol stagionale, e la squadra sembra totalmente dipendente dalla sue marcature. Il primo tempo si chiude così sul 2-0, nonostante forse si è visto il peggiore Feyenoord di questa stagione.

Paradossalmente la ripresa è tutta un'altra storia. Brood vede come gli avversari non sono al meglio, e crede nella rimonta, inserendo subito Demouge al fianco di Németh, e provando ad alzare i ritmo di gioco. Ma a sorpresa i ritmi li alzano gli uomini di Koeman, che man mano che scorrono i minuti guadagnano fiducia, prendono possesso del campo e cominciano finalmente a macinare gioco. Grazie al ritmo più alto, e le diverse occasioni create, il terzo gol è nell’aria, e arriva al 67’, con Nelom, che segna così il suo primo gol in carriera. Dopo l’espulsione di Dijkhuizen per un brutto fallo su Schaken, c’è gloria anche per il neo entrato Goossens, che all’85’ sigla il definitivo 4-0 con il suo marchio di fabbrica, ovvero il tiro dalla distanza. In questo secondo tempo sembra essere tornato l’entusiasmo tra i giocatori e il pubblico allo stadio, e Koeman capisce che è questa la ricetta giusta per uscire dalla crisi. A cinque minuti dal termine, sul risultato di 4-0, toglie un centrocampista (Immers), e mette te Vrede, ovvero un'altra prima punta a fianco di Pellè per provare ad arrotondare ulteriormente il punteggio. Il neo entrato andrà anche vicino al gol, ma Kurto con una bella parata gli nega tale gioia, e dunque il risultato non cambia.
Il Feyenoord raccoglie questi tre punti importanti, e sopratutto può guardare avanti con fiducia pensando alla buona prestazione nella ripresa, che ha cancellato quanto di brutto visto nella prima frazione di gioco.

Di seguito, gli highlight di Feyenoord-Roda



Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top