Tanti goal ed errori, Roda-Heerenveen finisce 3 a 3

Marco van Basten dovrà rivedere la linea difensiva del suo Heerenveen
E' finita alla pari la sfida tra il Roda Jc e l'Heerenveen. Pioggia di occasioni nello stadio Parkstad Limburg, ma solo una piccola parte di esse è stata trasformata in rete. In gol ancora Finnbogason che sale così a quota 9 in 7 gare. L'anno scorso, dopo altrettante partite giocate, Wilfried Bony (che poi si sarebbe laureato capocannoniere del campionato olandese) era andato in rete 5 volte.

Dopo dieci minuti ecco l'azione-simbolo del match: la difesa dell'Heerenveen è altissima ed addirittura tre giocatori dei padroni di casa, nello specifico Fledderus, Hupperts e Pluim, si trovano di fronte al rientrante Nordfeldt senza, però, riuscire a batterlo. 
Le palle gol abbondano anche dall'altra parte ma è soprattutto il Roda che sbaglia tantissimo in avanti e per questo, come al solito, l'antica legge del calcio premia gli ospiti, che vanno in rete col trequartista scuola Manchester United Wolff Eikrem. Dieci minuti dopo - sempre nel primo tempo - Donald si mostra sempre più bomber, siglando il suo quarto centro stagionale.

Nel secondo tempo gli spazi in campo aumentano, anche per via dei tantissimi errori difensivi delle due squadre. Dopo la rete di Nemeth, che gioca al posto dell'infortunato Demouge, è l'Heerenveen a stravolgere il risultato: prima Finnbogason -che al di là del goal non è stato protagonista di una bella gara- colpisce tra quattro avversari e poi Van den Berg approffita di un contropiede da manuale dei frisoni.
Nel finale, però, possono festeggiare ancora una volta i tifosi di casa, che vedono Hupperts punire la difesa dormente della squadra di Van Basten, raggiunti dal Twente a quota 12 punti

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top