Un super Ajax stravince contro il NAC. Klaassen è la nuova stella dei Lancieri

Davy Klaassen, autore di una tripletta e man of the match in Ajax-NAC
Ajax – NAC Breda è l’anticipo delle 18:45 del sabato di Eredivisie. Le due squadre arrivano alla sfida dell’Amsterdam ArenA dopo aver raccolto buoni risultati negli incontri precedenti: gli Ajaced hanno regolato l’ADO Den Haag per 4 reti a 0, mentre il NAC ha ottenuto un ottimo pareggio casalingo contro il Groningen. La sfida di Champions League condiziona la scelte di De Boer, vengono lanciati in campo pedine come Hoesen e Ligeon per far rifiatare le prime linee e gli acciaccati. Il NAC arriva alla sfida con due giocatori chiave out: Poepon e Verbeek, complessivamente 9 reti in due. L’arbitro della partita è Danny Makkelie, direttore di gara dal cartellino rosso facile, ma con una media di gialli dati sotto la media.
La contesa si apre con un brivido per i padroni di casa, al 2’ il pallone di Sarpong attraversa l’area biancorossa, ma Buijs non riesce a toccare il pallone in rete. Il primo acuto del NAC dà la giusta carica ai padroni di casa, ma la compagine di De Boer ingrana la marcia e con un forcing chiude i ratti di Breda nella loro tana. 
Le occasioni per l'Ajax non tardano ad arrivare: Fischer e Serero non inquadrano la porta, mentre Hoesen viene fermato in extremis da un prodigioso intervento di Van der Weg. 
Dopo una mezz'ora di forcing dei padroni di casa, il NAC capitola al 33’, quando Schone serve con un tocco delizioso Klaassen ed il centrocampista classe 93’ fulmina ten Rouwelaar con un destro diretto all’angolino basso. 
Dopo il vantaggio, meritato, dell'Ajax, la gara si assopisce fin quando i ragazzi di De Boer, mai domi, colpiscono nuovamente i gialloneri allo scadere: Fischer trova Klaassen libero sul secondo palo ed il biondo centrocampista, con una conclusione potente al volo, serve il 2-0 con cui le squadre vanno al riposo.

Nella ripresa il NAC prova accorciare le distanze, prima al 56’, quando Van der Weg su calcio d’angolo impatta bene la sfera di testa, vedendosi il pallone ribattuto in angolo da Cillessen e, poco dopo, con Sepp De Rover, che fallisce clamorosamente una buona chance sprecando con il suo mancino, non troppo educato. 
Dopo un primo quarto d'ora a ritmi bassi, l'Ajax mette la gara in archivio al 64’ ancora con Klaassen, che scappa a Kwakman e Drost, disattenti su un lancio lungo, stoppa e salta secco ten Rouwelaar, siglando il tre a zero e garantendosi la possibilità di portare il pallone a casa. 
Piove sul bagnato per il NAC quando Bojan sigla il 4-0 su suggerimento di Van Rhijn. 
La contesa sostanzialmente qui, Perica colpisce la traversa al 74’ per un possibile 1-4. Il NAC gioca duro e nervosamente e Makkelie, per onorare la sua fama, caccia Suk all’88’ per un contatto palese, ma punibile con un cartellino giallo. 


Tirando le somme della gara si può dire che l’Ajax lancia un chiaro segnale al Milan. Il gioco c’è, le vittorie cominciano a ritornare, nelle ultime 4 gare l’Ajax ha segnato 14 reti, mantenendo la propria porta inviolata. Con i ritorni di Boilesen, De Jong e Sigthorsson i lancieri possono giocarsi la qualificazione al turno successivo a pieni voti in quel di San Siro. Il NAC, senza i due pezzi da novanta in attacco, ha creato ben poco, mentre in difesa è stata insufficiente la prestazione della coppia centra Drost-Kwakman.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top