Mourinho-PSV, storia di un accordo sfiorato


"Sono stato vicinissimo ad un incarico al PSV Einhdoven". E' lo stesso Jose Mourinho a svelare questa indiscrezione relativa al 1998, anno in cui The Special One era pronto a seguire Bobby Robson alla guida dei boeren
Il fato, però, ha riservato un destino diverso al tecnico portoghese, rimasto a Barcellona per lavorare con Louis van Gaal.

Dopo aver stretto con Robson un forte legame, di amicizia prima che professionale, Mourinho era pronto a seguire l'allenatore inglese per la terza volta, dopo le avventure al Porto e con la squadra blaugrana. "Ero l'ultimo membro dello staff rimasto a Barcellona quando arrivò Van Gaal. Conoscevo il club ed i giocatori e fu lo stesso ex allenatore dell'Ajax a chiedermi di rimanere per garantire una certa continuità nel progetto e perchè gli piaceva il mio modo di lavorare", ha dichiarato Mourinho, che poi ha continuato a rivelare al Telegraaf altri aneddoti relativi al suo mancato arrivo sulla panchina del PSV come assistente di Robson. "Volevo seguire Robson in Olanda, ma fu lui stesso a dirmi di restare a Barcellona, perchè con Van Gaal avrei potuto imparare tanto".

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top