Eredivisie, 24ma giornata: l'Ajax prova la fuga ed il Twente prova ad inseguire. Super Ten Rouwelaar ferma il Feyenoord mentre è buio pesto per il Roda di Tomasson


L'Ajax schianta l'Heerenveen e si allontana dal gruppo delle inseguitrici, ora a quattro punti di distanza. La tripletta di Lasse Schone, nel giorno del saluto ufficiale al connazionale Christian Eriksen, trasferitosi in estate al Tottenham, è il chiaro segnale del fatto che, seppur con un organico sensibilmente inferiore rispetto ad altre concorrenti (penso al PSV o al Twente), a far la differenza è la mentalità vincente di Frank de Boer e la duttilità di alcuni suoi giocatori. Daley Blind, ad esempio, così come lo stesso Schone, hanno disputato ottime partite giocando in diverse posizioni nel corso della stagione. Non a caso, i due, insieme alle sorprese Veltman e Klaassen, sono tra i calciatori più positivi di un'annata che potrebbe concludersi con il 33esimo titolo della storia dell'Ajax, titolo che proietterebbe Frank de Boer nell'olimpo degli allenatori biancorossi.
Resta al palo, così, Marco van Basten, che sembra essere tornato sui suoi passi dopo le dichiarazioni di qualche settimana fa. Qualche divergenza con i quadri direttivi dell'Heerenveen, infatti, avevano spinto il Cigno di Utrecht a voler salutare i frisoni a fine stagione, ma ora l'allarme sembra rientrato ed i tifosi dovrebbero potersi tranquillizzare ed aspettare la fine della stagione, sperando in una qualificazione in Europa League.

Dusan Tadic
Dopo aver impattato per 1 a 1 all'Euroborg di Groningen nel recupero della gara posticipata per neve, il Twente torna a vincere e lo fa contro un Vitesse che sembra essere l'ombra di quella che si era candidata a strappare all'Ajax il titolo di Campione d'Olanda. Una sola vittoria nelle ultime 7 partite giocate suona come un'allarme: si tratta di stanchezza dopo un super avvio di stagione o i troppi prestiti e la mancanza di amalgama, a lungo andare, inziano a farsi sentire?
Tra le mura amiche del Grolsch Veste, i Tukkers si impongono con un netto 2 a 0 che porta le firme di Luc Castaignos e di un Dusan Tadic pronto a raccogliere la palma di miglior giocatore del campionato. Un avviso ai direttori sportivi, italiani e non: il serbo è un calciatore di qualità superiore, non lasciatevelo scappare!
I gialloneri di Arnhem, praticamente mai pericolosi e che chiudono la gara in 10 per via dell'espulsione di Patrick Van Aanholt, si fanno così superare in classifica dal Feyenoord, uscito indenne dall'infuocata sfida con il NAC Breda. Nella tana dei Rats, Pellè non punge e la gara termina sul risultato di 1 a 1. Quarto risultato utile consecutivo per entrambe le squadre, che possono ritenersi soddisfatte del loro corso della stagione.



Terza vittoria consecutiva per il PSV Eindhoven, ma occhio a parlare di crisi definitivamente messa alle spalle. I Boeren hanno la meglio sull'Heracles grazie ad una rete di Bryan Ruiz, che nel secondo tempo sigla il definitivo 2 a 1 dopo i goal di Depay e Linssen. Da quando Guus Hiddink è tornato, anche se in veste di consulente di Cocu, il PSV ha inanellato 3 vittorie consecutive, stanziandosi al quinto posto.

Meno bene l'AZ Alkmaar di Dick Advocaat, che impatta in casa contro una delle squadre che gode del peggior stato di salute dell'intera Eredivisie, vale a dire l'Utrecht. Nonostante i tanti colpi in sede di mercato, Wouters non sembra essere riuscito a quadrare il cerchio: i Domstedelingen hanno raccolto solo 2 miseri punti nelle ultime 8 partite e non vincono una gara dal lontano 18 dicembre.

Si fa festa nel Nord del paese, viste le contemporanee vittorie del Groningen, impostosi per 1 a 0 sui Go Ahead Eagles, e del Cambuur, uscito vincitore per 3 a 1 nella sfida casalinga contro il PEC Zwolle. Al Cambuur Stadion uno degli idoli assoluti è Marcel Ritzmeier, centrocampista austriaco di proprietà del PSV Eindhoven, che delizia i presenti con giocate del genere:



Nella parte bassa della classifica, importanti vittorie esterne del NEC Nijmegen, vincente per 3 a 1 in casa dell'RKC Waalwijk, e dell'ADO Den Haag, che vince la sfida salvezza (1 a 0, goal di Schet) contro il Roda di Jon Dahl Tomasson e scavalca proprio i gialloneri, ora ultimi in classifica


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top