Un brutto Ajax pareggia contro lo Zwolle e mantiene inalterato il vantaggio in classifica


Senza Cillessen e Boilesen e con Sigthorsson lasciato ancora in panca, Frank de Boer decide di lanciare Siem De Jong titolare nella gara dell'IJsseldelta Stadion contro lo Zwolle di Ron Jans, autentica sorpresa del campionato. 
I padroni di casa, quasi a voler sfidare il blasone dell'avversario, non rinunciano al proprio credo tattico e si schierano con il solito 4-3-3: in avanti, insieme a Karagounis e Guyon Fernandez, il macedone Mahmudov, prelevato in Topklasse, alla prima da titolare in Eredivisie.

Dopo un inizio balbettante, in cui subisce l'intensità espressa dai padroni di casa, l'Ajax trova il vantaggio grazie al goal di Davy Klaassen, bravo ad inserirsi su calcio da fermo di Schone, anticipare di testa Van Hintum e trovare la rete dell'1 a 0.
Sotto di un goal, i biancoblu di Ron Jans perdono un pò di fiducia e rischiano grosso al 20', quando de Jong, da posizione ideale (centro dell'area, meno di 10 metri dalla linea di porta) di prima intenziona calcia alto, graziando Boer. 
Il capitano dell'Ajax è ancora lontano dalla forma ideale, come appare chiaro dieci minuti dopo, quando colpisce in maniera quasi irritante il pallone arrivatogli dopo la sponda del solito, attivissimo, Lasse Schone. "Siem non è ancora al top", ha dichiarato nel post partita De Boer, "ma siamo fiduciosi di vederlo presto tornare a giocare come sa".

Il clamoroso errore di Siem de Jong
Quasi a punire l'Ajax per l'occasione sprecata, al 35' arriva il pareggio dello Zwolle: pasticcio ajacide a centrocampo, palla recuperata da Drost che serve Fernandez in profondità, giusto tra Moisander e Veltman. L'ex Feyenoord supera i centrali avversari e calcia dritto su Vermeer ma, complice un rimpallo fortunato, riesce a ribattere verso la porta oramai sguarnita.
La risposta dell'Ajax si fa attendere. I ragazzi di De Boer non riescono ad organizzare una manovra offensiva e pagano la scarsa incisività di Bojan Krkic, vittima della spaventosa involuzione degli ultimi anni. Solo durante il recupero arriva l'occasione buona con Veltman colpisce di testa a botta sicura, ma vede chiudersi da Boer lo specchio della porta.

Nella ripresa, come prevedibile, gli ospiti provano ad alzare il ritmo ed a rendersi pericolosi, ma la giornata no di De Jong pesa, eccome, sul rendimento del centrocampista offensivo, schierato per l'occasione come centravanti. 
Qualcosa non va nel meccanismo degli amsterdammers e così De Boer, nel giro di un quarto d'ora, rivoluziona la squadra, inserendo, in ordine, Fischer (per Bojan), Duarte (per Serero) e Sigthorsson (per Riedewald), ma la situazione non cambia, anzi: l'Ajax rischia clamorosamente di andare sotto quando, nella stessa azione, Benson coglie il palo e sulla ribattuta Drost centra in pieno la traversa. 
Il pubblico, più incredulo che altro, sussulta ancora al 77', quando Karagounis supera Vermeer in uscita ma si allarga troppo, senza riuscire a servire per bene Benson, anticipato da Veltman.

L'Ajax rischia grosso, ma è graziato dalla buona sorte.
Il pareggio deludente, che vanifica l'ipotesi di una mini-fuga, lascia comunque 5 punti di vantaggio su Feyenoord, Vitesse e Twente, anche se i Tukkers hanno da recuperare la partita contro il Groningen.
Lo Zwolle, dal canto suo, festeggia come se avesse vinto e continua il proprio campionato miracoloso, mantenendosi aggrappato all'ottavo posto che vale gli spareggi per entrare in Europa League. 

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top