Ajax campione d'Olanda col minimo sforzo. Il pareggio contro l'Heracles premia i lancieri

Con il risultato di 1 a 1, il minimo necessario per ottenere la conferma aritmetica di poter alzare al cielo lo schaal destinato ai landskampioen, l'Ajax Amsterdam ha vinto oggi il suo trentatreesimo campionato, il quarto consecutivo da quando Frank de Boer ha sostituito Martin Jol alla guida dei biancorossi.
Risultato da record, quello dell'allenatore corteggiato da Liverpool, Tottenham ed Inter, che nella sua carriera, nelle vesti di calciatore ed allenatore, ha festeggiato ben 9 volte la vittoria dell'Eredivisie. Con il quarto titolo consecutivo, infatti, De Boer scalza illustri predecessori come Michels e Van Gaal, diventando l'unico allenatore in Olanda ad ottenere una così netta sfilza di successi.

I toni trionfalistici, però, sono del tutto inadeguati, visto e considerato come l'Ajax ha conquistato la vittoria del campionato. Dopo la pesante sconfitta in finale di Coppa la scorsa settimana ci si aspettava una reazione da una squadra apparsa priva di un vero leader in campo nell'arco dell'intero campionato.
La classifica non inganna e così al Polman Stadion di Almelo il pareggio appariva, da giorni, come il risultato più ovvio, visto che avrebbe assicurato ai bianconeri di Jan de Jonge la tranquilla salvezza, oltre che la vittoria del torneo agli ajacidi.

La rete - bellissima - di Lasse Schone, oltre a sbloccare il risultato, ha confermato l'impressione che sia il centrocampista danese ad aver brillato più di tutti nell'arco della stagione, con goal e prestazioni decisive per la conquista dello schaal.
Il pareggio, sempre su punizione, di Cziommer, è praticamente indolore e destina il pubblico ad assistere ad un secondo tempo quasi surreale, dove la melina e la mancanza di mordente la fa da padrone.

Nella mediocrità di una stagione, destinata a chiudersi, però, con un dei risultati, sulla carta, da schiacciasassi (in campionato 21 risultati utili consecutivi, con l'ultima sconfitta che risale a novembre), ad ergersi come vera e propria stella della squadra è l'allenatore Frank de Boer, capace di tirare fuori da una squadra decisamente sottotono il massimo risultato, tamponando con quello che offriva la rosa all'immobilismo di mercato che lo ha portato ad affidarsi a tanti giovani come Stefano Denswil, Joel Veltman, Davy Klaassen, Ricardo van Rhijn, Jasper Cillessen (unico a non essere un prodotto delle giovanili), Ricardo Kishna, Viktor Fischer e Daley Blind.

"Gran parte del merito va ai miei assistenti. Uno (Bergkamp) è già stato raffigurato in una statua, l'altro (Spijkerman) meriterebbe altrettanto", ha chiosato De Boer a fine gara, quasi a voler distogliere l'attenzione che si è guadagnato in Europa, con tanti club pronti ad offrirgli la guida del proprio undici. "Ho ancora tanto da fare qui", ha però specificato il quarantatreenne ex difensore, rincuorando i preoccupati tifosi dell'Ajax, ancor più certi di perderlo dopo il fantastico poker di titoli, mai riuscito ad altri in Olanda.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

3 Commenti a quello che hai letto:

  1. Bene...il titolo era oramai nell'aria da tempo...che impresa 4 campionati consecutivi! Bravi gli aiacidi con come sempre giovani molto interessanti e forti(speriamo non partano tutti!) ma onore anche al feyenoord che,come speravo si qualifica x i preliminari di CL!

    RispondiElimina
  2. il titolo era nell'aria, ma purtroppo, è stato un campionato di una mediocrità disarmante. grazie all'unione europea per cui il calcio è un lavoro come gli altri, e non capisce che è passione, senso d'identità, identificazione. è chiaro che, considerando la qualità media della scuola olandese, ritenuta sempre assai elevata, una mediocre squadra inglese, tedesca o francese ha buon gioco a "rubare" talenti in erba a poco prezzo. peraltro, non capisco come possa uno preferire di guadagnare poco di più e non giocare la champions: è meglio la champions all'ajax o al psv o al feijenoord o il nulla lottando per salvarsi in italia, inghilterra, spagna ecc? incomprensibile. poi, incomprensibili i contratti corti firmati dall'ajax... speriamo bene, ci vorrebbe una botta di c**o per trovare uno sponsor degno.... ma è il sistema calcio da cambiare totalmente. è inutile avere il plzen in champions a prendere 40 gol in 6 partite (per dire), meglio avere un'ajax capace di ben figurare. e quest'anno, onestamente, non l'ha fatto: il milan è vergognoso, il celtic peggio del peggio, in coppa uefa (euroleague) umiliazione totale. serve altro! cmq, sempre grazie e forza ajax!

    RispondiElimina
  3. certo che come esempi che sfortuna...hai citato 3 squadre a me care milan,celtic e plzen(simpatizzo le ceche)

    comunque il discorso che fai mi trova d'accordo sostanzialmente ma purtroppo i giocatori guardano sempre prima il denaro praticamente!

    RispondiElimina

Back
to top