Il Feyenoord saluta la Champions League. Demba Ba sale in cattedra per i turchi

Posteshop
La compagine di Fred Rutten deve rimontare il pesante risultato dell'andata rimediato al De Kuip. La sconfitta del 2 a 1 complica le cose per i Rotterdamers e la trasferta ad Instanbul non è affatto agevole. Il Besiktas di Slaven Bilìc è tutt'altro che una compagine di fascia bassa, anzi il Feyenoord è stato piuttosto sfortunato a pescare questo blasonato avversario. Il mercato in uscita non ha facilitato il compito dello "sfortunato" Rutten. Il primo tempo non è quello dei più memorabili e la prima fiammata si ha al 28', minuto del vantaggio casalingo. Van Beek è disastroso e si lascia sfuggire Pektemek, il centravanti turco serve Demba Ba e per l'ex Chelsea è troppo facile insaccare in rete per il Besiktas allo stadio BJK İnönü. La qualificazione per i Rotterdamers è una luce fioca in fondo ad un tunnel che si protrae all'infinito. Il primo termina così Besiktas 1 - 0 Feyenoord. 

La ripresa stravolge il canovaccio tattico che si era mostrato nella prima frazione di gioco: il Feyenoord si getta in avanti. Gli sforzi vengono ripagati al 74' quando Elvis Manu, gioiellino degli olandesi, con un'azione da cineteca sigla il pareggio dei Rotterdamers. La questione qualificazione però si richiude nel giro di dieci minuti: al 80' Demba Ba segna con un tocco sottomisura. Mathijsen terribile a lasciarsi scappare Sahan, che serve al senegalese un cioccolatino da scartare. La tripletta per l'ex Chelsea non tarda ad arrivare ed a cinque minuti dal termine fulmina per la terza volta Mulder, portandosi a casa il pallone. Il risultato è bugiardo, ma il Feyenoord leva ugualmente le tende dalla Champions League e complessivamente nella doppia sfida i turchi hanno legittimato il passaggio del turno. Il risultato finale sarà Besiktas 3 - 1 Feyenoord. 

(Fonte foto: http://www.medyafaresi.com/)

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top