Il PSV batte il Vitesse e rimane a punteggio pieno. Ma che sofferenza per i Boeren contro le Aquile di Arnhem.


Il PSV Eindhoven sconfigge 2-0 il Vitesse e rimane l'unica squadra ancora a punteggio pieno dopo quattro turni di Eredivisie, a quota 12 punti. Grande sofferenza però per i Boeren che patiscono molto le sortite offensive dei gialloneri, sia nel primo che nel secondo tempo.

All'inizio del match è stato osservato un minuto di silenzio in memoria del giornalista ed ex addetto stampa di PSV e Nazionale olandese Pedro Salazar Hewitt, malato da tempo e morto pochi giorni fa all'età di 55 anni. 

Nel primo tempo molto meglio il Vitesse che crea molte occasioni da rete, ma il PSV va molto vicino al vantaggio con la traversa colpita verso la fine del tempo con un poderoso destro dalla lunga distanza da Depay. L'intervallo è prolifico per i padroni di casa, spronato da Cocu negli spogliatoi, che trovano il vantaggio al 48' con un contropiede micidiale di Luuk de Jong, il quale viene lanciato in velocità e, dopo alcuni rimpalli fortunosi in area, si ritrova davanti a Velthuizen e lo trafigge per l'1-0 dei Boeren. Al 89' lo stesso autore del gol sbaglia clamorosamente davanti al portiere delle Aquile di Arnhem, ma appena due minuti dopo Adam Maher sigla il raddoppio, dopo un contropiede in velocità di Depay, con la prima conclusione del numero 7 dei biancorossi stoppata da Velthuizen, che non può nulla sulla seconda di Maher. 

Fra due settimane, dopo lo stop per la Nazionale, per il PSV arriva la prova di maturità, ovvero il confronto con il PEC Zwolle all'IJsseldelta Stadion, mentre per il Vitesse, penultimo con un solo punto conquistato, la prova di Eindhoven fa ben sperare, ma i problemi in fase realizzativa non sono finiti, come ha testimoniato quest'ultima partita.


(Fonte foto: http://www.nusport.nl http://www.ed.nl)

Posteshop
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top