PSV, Brands chiude al rinnovo di Bakkali. "Ha rifiutato una fantastica offerta".


Marcel Brands, direttore tecnico del PSV Eindhoven, è tornato recentemente a parlare di Zakaria Bakkali e della spinosa situazione contrattuale che riguarda il giovane talento, messo fuori squadra dopo l'ennesimo rifiuto di rinnovare il contratto.
"Ho fatto tutto il possibile", ha dichiarato ai media Brands, "persino mangiare pietanze marocchine con lui, nonostante io non sia un tipo facile quando si tratta di sedersi a tavola, ma non c'è stato verso di convincerlo. L'offerta di contratto che gli ho proposto era fantastica, ma ora non c'è più spazio per le trattative".


Difficilmente, quando l'anno scorso il club biancorosso si fregiava di avere tra le proprie fila una delle più promettenti stelle del calcio europeo, si sarebbe pensato ad un così rapido precipitare della situazione. Dopo l'esordio, a 17 anni, nei preliminari di Champions League e la fantastica tripletta contro il NEC Nijmegen,  Bakkali sembra essere stato risucchiato da una spirale di negatività che ha compromesso -definitivamente- il suo rapporto con la società.

Stando così le cose, Bakkali potrà lasciare il PSV a fine campionato, quando scadrà il suo contratto con i Boeren, oppure a gennaio, dietro un compenso che i biancorossi accetterebbero ben volentieri. Fino ad ora, il diciottenne belga, ma di origini marocchine, ha puntato i piedi, rifiutando ogni trattativa con la dirigenza del club di Eindhoven, probabilmente perchè attratto dalle sirene d'oltremanica. Una volta libero da ogni vincolo contrattuale, infatti, il ragazzo che aveva stupito l'Europa la scorsa estate, prima di cadere nel più totale anonimato (allenandosi con lo Jong PSV), potrà scegliere, insieme al suo staff, tra un ampio ventaglio di club desiderosi di fargli firmare un contratto a parametro zero.


  Posteshop
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top