Europa League: l'uscita di Depay spegna la luce nel PSV. Boeren beffati al 87' dal pari del Panathinaikos.


Il PSV di Cocu non riesce a portare a casa la vittoria nella terza giornata della fase a gironi di Europa League, andando a impattare sull'1-1 al Philips Stadion contro i greci del Panathinaikos. Ritorna in campo Depay, dopo l'infortunio che lo ha tenuto fuori dal campi di calcio per settimane, mentre tra i pali c'è Pasveer, con Zoet che si accomoda in panchina. Ancora out, invece, Schaars e capitan Wijnaldum.

Nel primi minuti del primo tempo si fanno vedere i Boeren, con un paio di tiri da fuori di Maher e una traversa colpita su punizione al quarto d'ora da Depay, con il pallone che si alza a campanile e finisce sul fondo. Alla mezz'ora il pubblico di casa invoca a gran voce un rigore per una trattenuta piuttosto palese su De Jong, ma l'arbitro ceco lascia correre. Al 43' il Panathinaikos perde palla in attacco e i padroni di casa riconquistano velocemente palla, lanciando sulla destra De Jong, che si invola e serve al centro Memphis Depay, che brucia sul tempo i difensori greci e, dopo aver aggirato anche il portiere Steele, deposita il pallone in rete per l'1-0 del PSV. Il numero 7 esulta togliendosi la maglia e si prende il cartellino giallo.

Nella ripresa il Panathinaikos si mostra molto più propositivo in attacco e in fase di pressing sui giocatori di casa, palesando le difficoltà di manovra dei Boeren in questa condizione. Willems lancia una cannonata da fuori area, ma Steele è reattivo a deviare il pallone in corner, ma cresce d'intensità la manovra dei greci. Cocu, non accorgendosi del momento di difficoltà, toglie Depay per inserire Jozefzoon e da questo momento si spegne la luce nel PSV, che subisce il pari al 87' di Nikos Karelis, che ribadisce in rete una sponda di Petric nell'area piccola, dopo la respinta miracolosa di Pasveer su un preciso colpo di testa da pochi passi dello stesso Petric.

Bruma, che una decina di minuti prima era stato graziato dal direttore di gara per un presunto fallo in area, al 89' si prende la doppia ammonizione per un'entrataccia con la gamba tesa e alta direttamente sulla testa di Karelis. Il PSV esce tra i fischi dei 20.000 tifosi del Philips Stadion, dopo una gara che andava chiusa nel secondo tempo e invece è stata riaperta allo scadere dalla formazione greca. Ancora niente in chiave qualificazione ai sedicesimi di finale è stato compromesso, ma se è vero che la Dinamo Mosca è oramai scappata a quota 9 punti (+5 sui biancorossi), il PSV dovrà ora capitalizzare al meglio le rimanenti gare, ovvero quelle in casa del Panathinaikos e dell'Estoril e la gara casalinga contro i russi (si spera già passati al prossimo turno) della Dinamo Mosca.

Classifica gruppo E: Dinamo Mosca 9, PSV 4, Estoril 3, Panathinaikos 1.

(Fonte foto: http://www.nusport.nl)

Posteshop
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top