Scandalo in casa Ajax! Arrestati per aggressione ad un poliziotto tre talenti delle giovanili


Aggiornamenti del 17 marzo - Scagionati Bulut ed El Mahdioui, l'unico indiziato per l'aggressione dell'agente in borghese resta Zakaria El Azzouzi, che dovrà essere processato nelle settimane a venire. Per lui, come per i due compagni, l'Ajax ha previsto delle pene severe: oltre ad una multa, è stata prevista la sospensione dalla squadra (fino alla fine della stagione per El Azzouzi, mentre di solo un mese per Bulut ed El Mahdioui) e l'obbligo di allenarsi da soli e partecipare ad iniziative benefiche patrocinate dalla Ajax Foundation.

Samet Bulut, Zakaria El Azzouzi ed Ashraf El Mahdioui (nella foto), tre talenti della selezione A1 dell'Ajax, sono stati arrestati perchè sospettati di aver aggredito una poliziotta in borghese. Tutto è successo ieri sera, proprio dopo che la prima squadra aveva concluso il match (perso per 1 a 0) di Europa League contro il Dnipro. I tre ragazzi, talenti già abbastanza conosciuti in Europa grazie a quanto fatto nella UEFA Youth League, sono accusati di aver bloccato il passaggio dell'auto guidata dalla donna e, di fronte alle rimostranze di questa, averla prima insultata e poi aggredita. A suffragare questa versione, che se venisse confermata porterebbe non pochi guai ai tre calciatori di 18 anni, ci sarebbero le indicazioni di alcuni testimoni presenti al momento del fatto.


L'episodio, ovviamente, ha subito scatenato una serie di polemiche in Olanda. Geert Wilders, fondatore e leader del PVV (Partito per la libertà), politico della destra olandese, ha subito chiesto pubblicamente di ritirare la nazionalità olandese ai tre ragazzi e di rispedirli in Marocco. Molto più cauto, invece, è stato un portavoce dell'Ajax: "Si tratta di qualcosa di molto grave, su cui però non prenderemo alcuna posizione finchè non si saprà esattamente cosa è successo".





Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top