Eredivisie - Ajax a valanga sul Roda. Doppiette per Fischer, Milik e Klaassen


Sembra Wimbledon, ma è l'Amsterdam ArenA. Il pubblico di fede ajacide si sarà sicuramente divertito nel vedere i propri beniamini scamazzare il malcapitato Roda, tornato a casa con un pesante passivo sul groppone. Il 6 a 0 finale porta le firme di Viktor Fischer, Davy Klaassen ed Arek Milik, ognuno autore di una doppietta.

Senza Dijks e Bazoer, Frank de Boer è costretto a mutare il proprio schieramento, riproponendo il 3-4-3 con cui l'Ajax degli anni 90, che tra i propri effettivi aveva lo stesso De Boer, dava spettacolo in Europa. La linea difensiva a tre è composta da Veltman, Riedewald e Tete, che di mestiere fa il terzino. A centrocampo c'è Gudelj a fare il play basso, con Sinkgraven e Serero ai suoi lati e Klaassen schierato come trequartista puro, con licenza di attaccare gli spazi creati dal movimento del tridente Fischer-Milik-El Ghazi.
L'esperimento può dirsi riuscito, perchè dopo 5 minuti, i biancorossi sono già in vantaggio di due reti: prima Fischer ribadisce in rete un pallone che danzava sulla linea dopo il colpo di testa di Veltman, poi lo stesso danese sfugge dalla sua marcatura e serve a Milik il più facile degli assist. Una partenza del genere non si vedeva dal 1997 e, in quel caso, vittima sacrificale fu il Vitesse.

Sorrisi e facce distese sugli spalti, dove prima della partita si è onorato Johan Cruijff, leggenda del calcio olandese in lotta con un cancro ai polmoni. Con la certezza di poter portare a casa i tre punti, il pensiero vola alla gara di Europa League di giovedì, dove ad Amsterdam arriverà il Fenerbahce di Van Persie. "I turchi non sono il Roda, ma questa è stata una bella prestazione che ci da fiducia", dichiarerà a fine gara Fischer, tra i migliori in campo ed ispiratore della manovra che al 25' porta l'Ajax sul 3 a 0, con il goal che porta la firma di capitan Klaassen e chiude, con largo anticipo, la contesa.


Non pervenuto il Roda, che nel secondo tempo continua ad assistere impotente alle scorribande dei padroni di casa. Al 58' Milik, partito oltre la linea dei difensori, si trasforma in assist-man e restituisce il favore a Fischer, cinico nel battere un rigore in movimento, con il pallone che termina inesorabilmente alle spalle di Leer. Il portiere del Roda, protagonista di una serata davvero sfortunata, ci mette del suo al 73', quando valuta male la traiettoria della punizione di Milik e può solo guardare i calciatori dell'Ajax festeggiare la goleada. I biancorossi, nel frattempo tornati al canonico 4-3-3 con l'ingresso di Heitinga (che può festeggiare la centesima partita vinta in Eredivisie) al posto di Gudelj, avranno il tempo di siglare anche il sesto goal, quando a pochi minuti dalla fine Klaassen, su magnifico invito di un ispiratissimo Fischer, trova la propria doppietta personale.

Il risultato finale, oltre a certificare l'evidente divario tecnico tra le due squadre, può far sorridere Frank de Boer, ora consapevole di avere una variante tattica da provare nei momenti in cui gli avversari si chiudono ed il risultato non si sblocca. L'attenzione, ottenuta la testa della classifica in solitaria, si sposta immediatamente sull'Europa League, dove l'Ajax, ancora alla ricerca delle prima vittoria, ospiterà giovedì pomeriggio il Fenerbahce.

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top