Olanda, la Federcalcio scoperchia caso di calcioscommesse: programma TV tenta di truccare partite di Eredivisie



All’alba di oggi è scoppiato l’ennesimo caso di calcio scommesse in Olanda. Lo scorso fine settimana il Pubblico Ministero competente ha informato la Federcalcio olandese, la KNVB, che una società di produzione televisiva (identificata successivamente nella CCCP) si è rivolta nel dicembre 2015 a giocatori di diverse società del calcio professionistico olandese, chiedendo loro se sarebbero disposti a manipolare delle partite di campionato. Lo scandalo sarebbe uscito alla luce del sole in seguito alla “soffiata” di uno di questi giocatori, che avrebbe informato la sede della Federcalcio, la quale ha contattato subito la Polizia, che ha aperto un’inchiesta penale al riguardo. È quanto affermato in un comunicato dal direttore della KNVB, Gijs de Jong.

Come riportato sapientemente dal quotidiano De Telegraaf, la KNVB ha inviato una lettera a tutti i 37 club professionistici olandese e a tutti gli arbitri e assistenti che c’è stato un tentativo di truccare delle partite di Eredivisie e Eerste Divisie da parte di un programma televisivo, a partire dallo scorso dicembre. “C’è differenza tra smascherare qualcuno che è colpevole di aver manipolato delle partite e chiamare dei giocatori al telefono per convincerli a truccare una gara”, ha commentato un portavoce della Federcalcio al De Telegraaf. “Nel primo scenario, il programma televisivo sta contribuendo alla soluzione, mentre nel secondo scenario sta creando un problema che poi verrà trasmesso dall’emittente. Le nostre informazioni ci indicano che si tratta della seconda opzione”, ha aggiunto.


“Eppure, non c’è nessuna differenza se la manipolazione viene fatta da un'organizzazione criminale o da un programma dell'emittente pubblica: in entrambi i casi di parlare di partite truccate, quindi non  c’è una competizione sportiva al 100%. E questo è in ogni caso molto brutto, indipendentemente dal fatto che la partita è truccata per il guadagno sportivo, guadagno finanziario o per guadagnare profitti giornalistici. Le partite si decidono in base a quello che si vede sul campo da gioco. Questa è l'essenza dello sport”, ha continuato il portavoce. 

Nell’occhio del ciclone e sotto inchiesta penale ora c’è la società di produzione televisiva CCCP, acronimo che sta per Creatieve Communicatie en Content Productie (Produzione creativa di Comunicazione e Contenuti”), che produce anche il programma molto noto in Olanda Rambam e che non ha voluto commentare in maniera ufficiale tutto ciò.

(Fonte foto: www.telegraaf.nl)

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top