Ajax, beffa al 90'. Il Roda rimonta due volte la doppietta del giovane Dolberg



Male la prima all'Amsterdam ArenA per il nuovo Ajax targato Peter Bosz. Dopo la vittoria in casa dello Sparta Rotterdam all'esordio, i biancorossi impattano contro il Roda, facendosi recuperare in piena zona Cesarini ed evidenziando gli stessi problemi che avevano caratterizzato la precedente gestione: eterno possesso palla e mancata concretizzazione delle buone occasioni avute, con scivoloni in difesa che si pagano caro.
Complice la squalifica di Veltman, Bosz lancia dal primo minuto Davinson Sanchez al centro della difesa, in coppia con Riedewald. Solo panchina per l'altro colombiano, Cassierra, cui viene preferito il classe 1997 Kasper Dolberg, avanti nelle scelte (ed è facile capire il perchè) anche rispetto a Berdtrand Traoré, l'ultimo arrivato ad Amsterdam.


La gara sembra mettersi subito malissimo per la squadra di Anastasiou, sotto dopo pochi minuti dal calcio d'inizio. Riedewald legge il movimento di Klaassen tra le linee e lo serve con un lancio millimetrico. Il capitano controlla e, con il secondo tocco serve Dolberg scavalcando l'estremo difensore della squadra di Kerkrade, che può solo guardare il giovane attaccante danese toccare il pallone di testa e portare l'Ajax in vantaggio.
A fronte di un gioco arioso e tanti, spettacolari, cambi di fascia, i padroni di casa palesano le oramai solite amnesie difensive, consentendo, neanche dieci minuti dopo, ad Auassar di battere Cillessen e ristabilire l'iniziale parità.

L'Ajax ha una squadra tecnicamente superiore, ma sembra specchiarsi nello stucchevole possesso palla, a tratti quasi imbarazzante, considerato il raffronto tra le statistiche delle due squadre, ma raramente riesce ad affondare il colpo. Così, a pochi istanti dal rientro delle squadre negli spogliatoi, è ancora Dolberg a mettere la firma sul tabellino, spizzando con la punta del piede un cross arrivato dalla sinistra. Dopo il goal segnato nei preliminari di Champions contro il PAOK, il talentino danese bagna con una doppietta i suoi primi 45' da titolare in Eredivisie, proprio nel giorno in cui tutti attendevano Traoré.
Un bel problema (ma quale allenatore non vorrebbe averne di simili?) per Bosz, che dovrà scegliere tre uomini in un parco attaccanti decisamente interessante.

Di sicuro, nella graduatoria dei possibili titolari avrà perso alcune posizioni Sinkgraven, apparso involuto rispetto alla prima di campionato. L'allenatore ajacide lo cambia a inizio secondo tempo, inserendo Younes, nella speranza di ottenere più vivacità, sull'out mancino. Anastasiou, costretto alla contromossa, sostituisce Milec con l'esperto Brouwers e il cambio sembra dargli ragione: la retroguardia del Roda, in cui figura un ottimo Ananou, si compatta e respinge colpo su colpo le iniziative dell'Ajax, spesso inconsistenti.
Succede allora che, a tempo praticamente scaduto, Nijhuis assegna un calcio di punizione al Roda: Auassar calcia sul secondo palo, dove trova l'inserimento indisturbato di Van Hyfte, autore del 2-2 finale. Il risultato (e le modalità con cui è maturato), curiosità che incuriosirà gli amanti della statistica, è lo stesso con cui si è conclusa lo scontro tra le due squadre lo scorso anno. Partita, quella, che probabilmente è costata l'Eredivisie all'Ajax. 

AJAX-RODA JC 2-2 
MARCATORI: 8', 44' Dolberg, 17’ Auassar, 91’ Van Hyfte

AJAX (4-3-3): Cillessen; Tete, Davinson Sanchez, Riedewald, Dijks; Bazoer, Gudelj, Klaassen; El Ghazi (83' Cassierra), Dolberg (63' Traoré), Sinkgraven (46' Younes). All. Bosz.
RODA JC (4-3-3): Van Leer; Milec (57' Brouwers), Kum, Ananou, Van Peppen; Auassar, Van Hyfte, Gullòn (66' Noor); Ajagun, Rosheuvel, Boysen (76' Paulissen). All. Anastasiou.
ARBITRO: Nijhuis.
NOTE: ammoniti Gullon (R), Riedewald, Klaassen (A); espulso Ananou (R)

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top