Eredivisie: il Feyenoord crolla a Deventer e vede avvicinarsi Ajax e PSV. Vittoria storica per il Go Ahead Eagles



È una vittoria tanto clamorosa quanto storica quella portata a casa domenica dal Go Ahead Eagles ai danni di uno spento Feyenoord per 1-0: i Rotterdammers crollano dopo 22 partite senza sconfitte e vedono avvicinarsi minacciosamente le dirette concorrenti, Ajax e PSV Eindhoven, che hanno comunque frenato al corsa (trovando entrambe un pareggio in questo turno di Eredivisie), regalando alle Aquile di Deventer la prima vittoria sulla compagine di Rotterdam in 31 anni.


Prima contro ultima. Così si presentava, al fischio d’inizio, la sfida del De Adelaarshorst, con i padroni di casa fanalini di coda del campionato a 21 punti di distanza dalla vetta, occupata, appunto, dagli avversari di turno. Tutta questa differenza, però, in campo non si vede e il GAE attacca ferocemente, trovando il meritato vantaggio dopo appena mezz’ora di gioco, con Jarchinio Antonia che insacca da due passi un traversone dalla destra di Maatsen, il quale sfrutta il pasticcio difensivo di Van der Heijden. Lo stesso difensore del Feyenoord poco più tardi pareggia, ma il gol viene annullato per un fallo di mano di Berghuis. Nella ripresa i Rotterdammers cercano invano la rete del pareggio, ma le occasioni di Toornstra ed Elia non vengono finalizzate e il Go Ahead Eagles riesce a controllare la gara, mentre nel finale è Antonia a sfiorare il gol del 2-0 del Go Ahead Eagles. Grande balzo in avanti in classifica per la compagine di Deventer, che vola a quota 11 punti, scavalcando ben quattro squadre. Il Feyenoord, invece, rimane primo a 29 punti, con appena 2 lunghezze di vantaggio sull’Ajax secondo e 4 sul PSV Eindhoven terzo. 





Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top