Feyenoord-Willem II, ossia: lo spettacolo prima del nulla



Che la distanza fra le due contendenti fosse iperborea lo si sapeva anche prima. Che però la squadra di van Bronckhorst, cambiata non poco in estate, potesse riuscire a esprimersi con questa brillantezza già nella seconda metà di agosto non lo immaginava nessuno. Eppure i Rotterdammers sono ormai una macchina, perlomeno entro i patri confini. Gli automatismi, la volontà di vittoria, il dominio mentale e carismatico sul match, il divertimento: tutto, ogni ingrediente, sembra essere ai massimi storici.

Del resto non si spiegherebbero in altro modo gli otto minuti (dal 13’ al 20’ inclusi) intercorsi tra il primo e il terzo gol dei padroni di casa perché, nelle primissime battute, i Tricolores sembravano anche bellicosi. Poi, semplicemente, si sono sciolti di fronte alla spensierata superiorità di un Feyenoord in cui qualunque cosa ha funzionato al millimetro: dalla riaggressione altissima non appena si perdesse palla alla continua alternanza tra verticale e orizzontale nella gestione di palla sulla trequarti offensiva.

Diks non ha fatto rimpiangere Karsdorp nemmeno per un istante (e qualcuno, a Firenze, avrà pensato a Tomović…) e ha allargato il fronte offensivo con una costanza commovente; EL Ahmadi ha fatto lo sceriffo in mezzo al campo con una sicurezza invidiabile ma, soprattutto, il mattatore Jens Toornstra ha messo per l’ennesima volta in mostra un QI calcistico spaventoso, riuscendo a disimpegnarsi come incursore, finalizzatore e rifinitore. Il centrocampista ex Utrecht ormai riesce a giocare benissimo su tutto il fronte d’attacco, abbinando alla sua palese qualità anche una capacità straordinaria di usare al meglio un fisico che è invece totalmente ordinario.


Nella seconda metà della prima frazione, poi, gli uomini di van Bronckhorst avrebbero potuto dilagare e farne altri tre o quattro ma solo Vilhena è riuscito a inscrivere il proprio nome sul tabellino con una sassata di sinistro da fuori. Nella ripresa, il Feyenoord ha tirato il freno a mano e s’è limitato a gestire la partita, andando comunque più vicino al 5-0 in diverse occasioni di quanto il Willem II abbia fatto col gol della bandiera. Il pokerissimo alla fine è arrivato negli ultimi minuti grazie a un rigore trasformato da Jean-Paul Boëtius ma è giusto una nota statistica: la partita vera era già bella che terminata al 21’ del primo tempo.

Del match resta la prestazione di squadra scintillante dei Rotterdammers e le azioni magistrali che hanno portati al secondo e al terzo gol, vero e proprio manifesto programmatico del calcio di van Bronckhorst al suo meglio, con un giro palla veloce, teso a occupare gli spazi vuoti nonché l’aggressione dell’area con tanti uomini contemporaneamente.


In una frase si potrebbe dire che Feyenoord-Willem II 5-0 è esattamente il tipo di partita che ci si aspetta quando si va a osservare la squadra Landskampioen mentre affronta chi lotterà per non retrocedere: un menu fatto di scintillio e gestione serena.

Signori, il Feyenoord è veramente maturo.

FEYENOORD-WILLEM II 5-0: ECCO GLI HIGHLIGHTS



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top