Guida all'Eredivisie 2017/18 - PEC Zwolle


UN EX GENOA PER UN DIFFICILE POST-JANS

Piotr Parzyszek, lo scorso anno al De Graafschap.
Da Doetinchem a Zwolle ci si mette appena un’oretta di macchina, ma tra la cittadina della Gheldria e il capoluogo dell’Overijssel può cambiare tutto. Lo sa bene l’attaccante polacco Piotr Parzyszek, la punta di diamante del PEC Zwolle 2017/18, autore la scorsa stagione di 25 gol e 3 assist con la maglia del De Graafschap, club trascinato a galla dalle sue reti dopo la nefasta estate del 2016, trascorsa nei caldissimi tribunali olandesi per la diatriba infinita con il Twente. Laureatosi vice-capocannoniere della Jupiler League, la serie B olandese, dietro soltanto all’inarrivabile Tom Boere dell’Oss (oggi al Twente), la punta nata a Torun nel 1993 ha deciso di spiccare finalmente il volo, accettando le avance dei Blauwingers, che sperano di sfruttare la sua preziosa vena realizzativa sviluppata con i Superboeren, seppur in un campionato decisamente meno competitivo dell’Eredivisie, per trovare l’ennesima salvezza nella massima serie olandese. Da Achilles ’29 ed Oss a Feyenoord ed Ajax, gli avversari cambiano, ma il suo fiuto del gol rimane. O almeno questo è quello che sperano i tifosi del PEC.

Sarà proprio il polacco l’erede del danese Nicolai Brock-Madsen, trascinatore dello Zwolle nell’ultima stagione con i suoi 7 gol messi sapientemente a segno in sette partite diverse tra gennaio e aprile, oggi rientrato dal prestito olandese agli inglesi del Birmingham City, in Championship. Dopo l’ultima stagione condotta degnamente verso una salvezza abbastanza tranquilla, lo Zwolle punta a riconfermarsi come una bella realtà del calcio olandese, capace di ottenere i risultati sperati per poter ambire alla permanenza nel campionato e far divertire i tanti appassionati e tifosi che affollano le tribune del MAC³PARK Stadion. Tanti cambiamenti hanno contraddistinto, come sempre, d'altronde, a Zwolle, l’estate del PEC: in primis bisogna segnalare il cambio in panchina, con il doloroso addio di Ron Jans, l’allenatore più vincente nella storia del club, colui che è riuscito nella storica impresa di portare ben 2 trofei fino a Zwolle, ovvero la Coppa d’Olanda e la Supercoppa olandese del 2014, trasferitosi al Groningen come manager tecnico


Ron Jans, l'allenatore più vincente della storia del PEC Zwolle,
mentre solleva la Coppa d'Olanda 2013/14 appena vinta.
Il nuovo tecnico è un nome sconosciuto ai più, ma con un passato da giocatore in Italia: si tratta di John van 't Schip, ex attaccante che ha diviso la sua carriera da calciatore tra l’Ajax, dove militò tra il 1981 ed il 1992, ed il Genoa, dove trascorse le quattro stagioni successive tra Serie A e Serie B fino al 1996, vincendo anche con i Grifoni la Coppa Anglo-Italiana nel 1996. Oltre all’addio di Brock-Madsen, hanno lasciato Zwolle anche il portiere Begois, ceduto al Groningen, Holla, al Twente, ma anche Mastour (ritornato al Milan, nonostante la richiesta del club olandese - sembra - di rinnovare il prestito), Verdonk e Menig, ritornati dai prestiti rispettivamente al Feyenoord e all’Ajax. 

Per sopperire a queste cessioni, ci sono stati molti innesti di qualità, in tutti i settori del campo, sia in porta, dove è approdato a Zwolle Diederik Boek dall’Ajax, che fungerà da secondo portiere, sia in difesa, con l’arrivo del terzino sinistro Dico Koppers dal Willem II, che a centrocampo, con gli acquisti del trequartista Younes Namli dall’Heerenveen e del centrocampista centrale Erik Bakker dal Cambuur, che in attacco, con il già ampiamente citato Parzyszek dal De Graafschap. L’obiettivo dello Zwolle rimane quello della salvezza, presentandosi ai nastri di partenza della prossima Eredivisie con un gruppo di giocatori giovane ma voglioso di continuare a far vivere alla città dell’Overijssel il sogno dell’Eredivisie.


I tifosi del PEC Zwolle rendono omaggio a Ron Jans, un "history maker".


L'ALLENATORE: 
JOHN VAN 'T SCHIP 
53 anni






LA FORMAZIONE

Una formazione giovane ma con alcuni elementi maturi, quasi esclusivamente formata da giocatori olandesi, molto cambiata rispetto allo scorso anno. Sono queste le caratteristiche principali della formazione del PEC Zwolle, con il tecnico John van 't Schip che schiererà quasi sicuramente un 4-1-2-3 con i due trequartisti, che sono identificati in Saymak e Namli, che agiranno davanti al tridente offensivo. In porta troviamo Van der Hart, in difesa Koppers come terzino sinistro, Van Polen terzino destro, Van de Pavert e Marcellis come difensore centrali. A centrocampo Bakker sarà il centrale davanti alla difesa, con i due trequartisti Saymak e Namli a ridosso dell’attacco, formato da Parzyszek punta centrale e Mokhtar ed Ehizibue come esterni offensivi. Tanti interrogativi per la formazione del PEC, a partire dal ruolo di Ehizibue, che potrebbe essere impiegato anche come terzino destro, mentre in attacco potremo vedere anche Nijland come punta centrale al posto di Parzyszek e Ryan Thomas impiegato come ala sinistra, in questo caso con Mokhtar spostato sulla fascia destra.

OBIETTIVO: Salvezza

LO STADIO: MAC³PARK STADION

Il MAC³PARK Stadion, nuovo nome per motivi di sponsorizzazione a partire dalla prossima stagione dell’IJsseldelta Stadion, è l’impianto del PEC Zwolle. Costruito dal marzo 2007 in sostituzione del vecchio Oosterenkstadion, è stato inaugurato il 29 agosto 2009 ed ha una capacità attuale di 12.500 posti. Piccolo ma grazioso impianto, è situato a Nord-Est del meraviglioso centro storico ed è incluso in un complesso di 5.000 mq, formato anche da 6 campi dedicati alle giovanili del PEC Zwolle e da alcuni esercizi commerciali, come un hotel, una palestra, alcuni uffici e perfino un casinò.



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top