Eredivisie: i 10 punti salienti del 25° turno del campionato olandese

Il 25° turno di Eredivisie chiude quasi definitivamente il campionato: l'Ajax inciampa all'Amsterdam Arena pareggiando per 0-0 contro l'Ado den Haag. Ne approfitta il Psv che travolge per 3-1 il Feyenoord e fugge verso il 24° titolo nazionale: altra brutta figura per Van Bronckhorst che crolla davanti ai suoi tifosi. Il Twente e lo Sparta non riescono ad arginare Utrecht e AZ che consolidano rispettivamente la quarta e la terza piazza restando imbattute nel 2018. Altro successo per l'Excelsior che ha puntellato la sua salvezza con vittorie pesanti in trasferta.

1. Il Psv chiude quasi del tutto i conti e mette le mani sul titolo a scanso di miracoli o debacle: gli uomini di Cocu volano a Rotterdam e asfaltano il Feyenoord per 3-1 fuggendo verso il successo. Lozano, espulso contro l'Heerenveen, manca all'appello ma, gli ospiti, non sentono fanno pesare la sua assenza e salgono a quota 65 gol in stagione: gli ajacidi restano in testa con 66 centri. Arias sigla il 2° gol consecutivo in questa Eredivisie insieme a Bergwijn e Pereiro che volano a 6 marcature. 10° risultato utile consecutivo per un'armata che non accenna a rallentare e che sta lasciando il vuoto dietro di se.




2. Il Feyenoord di Van Bronckhorst crolla proprio nel suo tempio, nella roccaforte che aveva battuto la capolista in KNVB Beker per 2-0 ai quarti di finale. Il tecnico olandese, dopo 4 successi consecutivi al De Kuip, cede all'avversario per la terza volta in stagione. I Rotterdammers incassano la terza sconfitta in 5 partite per un misero bottino di 6 punti: quarta piazza abbandonata a favore dell'Utrecht. Ci pensa Vilhena a rendere il passivo meno pesante con l'8° gol nella competizione e il 4° nel 2018 compresa la realizzazione di coppa. Jorgensen e Berghuis sembrano essere spariti dalla circolazione e l'infortunio di Van Persie aggrava ulteriormente la situazione. I guai non arrivano mai da soli e anche St. Juste rischia di non finire il campionato proprio come Van Bronckhorst.

3. Dopo 5 successi consecutivi all'Amsterdam Arena, l'Ajax inciampa e rimedia un pareggio pesantissimo contro l'Ado den Haag: Groenendijk blocca gli ajacidi facendo sfumare anche le loro ambizioni al titolo. I biancorossi si ritrovano nuovamente a -7 dal Psv, con l'AZ che accorcia il gap a 5 lunghezze. I numeri del club sono incredibili: 10 risultati utili consecutivi, miglior attacco del campionato con 66 reti e miglior difesa con solo 21 centri al passivo. Un andamento che non scalfisce il perfetto cammino della compagine di Eindhoven che non ha mai mostrato flessioni. Ten Hag gioca una partita che manca di concretezza e finalizzazione e la poca precisione condanna l'Ajax ad essere primo in tutto, tranne che in classifica.


4. L'Ado Den Haag ferma l'Ajax e si porta a casa un punto d'oro che vale una vittoria. Groenendijk gioca una partita difensivistica con 5 tiri di cui uno solo nello specchio. Non un match brillante ma efficace per il pari che porta un bottino importante per la salvezza: 8° posto in Eredivisie a sole 2 lunghezze dal Vitesse fermo alla settima piazza, valida per un posto nei play off di Europa League. I gialloverdi inanellano il 3° pareggio in trasferta e il 5° risultato utile consecutivo. Un bel cammino per una formazione che aveva incominciato la stagione con tantissimi problemi.




5. L'AZ non si ferma e resta imbattuto nel 2018: anche lo Sparta Rotterdam deve arredersi di fronte all'armata di Van den Brom. I biancorossi consolidano il 3° posto in campionato con il 9° risultato positivo di fila. Dopo il vantaggio ospite, ci pensa Weghorst a fissare il pari con l'11° centro nel torneo, a sole 2 lunghezze da Lozano capocannoniere. Risolve tutto Idrissi con il 2-1 finale all'87': il neoacquisto di gennaio sigla il suo primo centro con il club di Alkmaar dopo aver messo il suo sigillo nel 4-1 contro lo Zwolle nei quarti di finale della KNVB Beker. Grandi prestazioni per la compagine maggiormente in forma in questo nuovo anno.

6. Sempre peggio la situazione dello Sparta Rotterdam che non riesce ad accaparrare i 3 punti neanche questa volta: l'incontro ricorda il 2-1 rimediato con il Psv che ripercorre il medesivo copione. I ragazzi di Advocaat passano in vantaggio dopo appena 10 minuti per poi essere rimontanti ed infine sconfitti. La formzione di Rotterdam resta il fanalino di coda dell'Eredivisie con 15 punti, 2 di distacco da Twente e Roda. Peggior attacco del torneo (20 reti) e la seconda peggior difesa (49 reti): terza disfatta negli ultimi 5 incontri e numeri vicini all'Eerste Divisie. Advocaat deve provare ad agguantare il miracolo, ma la strada sembra ormai segnata.




7. Grandissimo andamento dell'Utrecht che inanella il 4° successo consecutivo e 6° risultato utile di fila: la compagine ha dimenticato l'assenza di Ten Hag e si sta togliendo grandi soddisfazioni sotto la guida di De Jong. Il club resta imbattutto nel 2018 e ha conquistato il 4° posto in classifica, con l'AZ nel mirino, saldo al gradino inferiore del podio. Il 3-1 rifilato al Twente porta la firma di Ayoub, Van de Streek e Klaiber dopo il momentaneo vantaggio del solito Vuckic. Van de Streek sale a quota 6 tra i marcatori olandesi con il 3° gol in 2 partite. Anche  il centrocampista Ayoub vola a 4 centri per un Utrecht che punta ad essere protagonista in questo girone di ritorno. 

8. Sembra non avere fine la crisi dei Tukkers che restano terz'ultimi e vicini ai playoff promozione: il Twente incassa la quarta sconfitta in 5 match. Il minimo migliormento che aveva portato la compagine a racimolare qualche pareggio sembra essere svanito nel nulla. Verbeek, da possibile salvatore si sta trasmormando in traghettatore verso la Serie B olandese. L'unica nota positiva resta Vuckic con la terza marcatura in 11 incontri: peccato il suo scarso impiego dovuto ad un infortunio. Il punto debole resta la difesa, perforata per 47 volte e con una media di 1.88 a gara.




9. Altro pesante scivolone per lo Zwolle che conferma di essere un lontano parente di quella squadra che aveva incantato nel girone d'andata: il 2018 resta nero e oscuro al momento. Il ko con con l'Heracles fissa la quarta sconfitta in 5 gare per gli uomini di Schip. I biancocelesti, eliminati ai quarti di coppa d'Olanda, non riescono a tornare quella rosa che ha creato problemi alle formazioni maggiori di Eredivisie. La fase difensiva peggiora drasticamente passando dalla seconda meno perforata alla settima con 36 gol incassati. Anche l'attacco ha ridotto il suo fiuto per la rete con soli 33 centri: Saymak, Mokhtar e Namli sembrano essersi arrestati e insieme a loro la perfetta macchina dello Zwolle.

10. L'Excelsior inanella il 3° risultato utile consecutivo strappando altri 3 punti in trasferta: il club di Rotterdam si impone nuovamente fuori dal proprio stadio con il 7° successo in 13 partite. 21 dei 35 gol totali sono stati realizzati lontano dell'Het Kasteel dove la compagine ha strappato solo 2 vittorie. A centrare la porta ci pensa ancora Van Duinen al 5° centro stagionale e cannoniere della formazione di Rotterdam.


Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top