Eredivisie: i punti salienti della quattordicesima giornata

La quattordicesima giornata mette sul banco una clamorosa notizia: il Feyenoord, forte dell'imbattibilità del De Kuip, blocca il Psv che crolla dopo 13 vittorie consecutive. I Boeren, elimianti dalla Champions, crollano anche in Eredivisie che torna apertissima con l'Ajax autore di un'altra goleada. Heracles al successo, mentre lo Zwolle affossa il De Graafschap e il Fortuna Sittard si blocca nuovamente fuori casa. Sol raggiunge De Jong in cima alla classifica cannonieri con il Willem II che si trova a proprio agio lontano da Tilburg. 

1. Il Psv crolla dopo 13 successi consecutivi e abbandona l'idea di battere il record dell'87-88 quando, i Boeren, inanellarono 17 vittorie consecutive dal via dell'Eredivisie. Il club di Eindhoven si inchina al De Kuip contro un Feyenoord che resta imbattuto in casa. De Jong mantinene la leadership della classifica marcatori nonostante la prestazione anonima di Rotterdam. L'attacco biancorosso mantiene la palma di migliore del campionato con 47 centri in 14 match, mentre la difesa scende al secondo posto, lasciando spazio all'Ajax: sono 7 i gol al passivo e solo 2 i punti che dividono Van Bommel dal ritorno in corsa di Ten Hag. Il torneo si riapre per la gioia dell'Olanda e dei suoi tifosi. 



2. Recupera terreno l'Ajax che si fa trovare pronto alla prima incertezza della capolista: gli ajacidi tornano a 2 lunghezze di svantaggio e provano a riaprire una competizione che molti davano per chiusa. 5-1 rifilato all'Ado den Haag ed ennesima goleada che riduce il gap anche nelle prestazioni dei reparti: la difesa resta la più solida dell'Eredivisie con solo 6 gol al passivo mentre l'attacco si avvcina sensibilmente a quello dei Boeren con 45 reti all'attivo. Dolberg continua a timbrare il cartellino salendo a 6 centri in 9 partite e Van de Beek si aggiudica il ruolo di leader del centrocampo. La difesa non solo non subisce molte marcature ma le realizza anche con De Ligt e Tagliafico: entrambi aumentano il loro valore per una futura cessione a giugno 2019. 


3. Il Feyenoord riesce nell'impresa di bloccare il Psv grazie alla forza del De Kuip che resta ancora inviolato: lo stadio di Rotterdam vanta 8 successi su 8 gare disputate insieme al Philips Stadion di Eindhoven (con 7 su 7). Il club biancorosso da il meglio tra le mura della propria città con l'attacco andanto a segno in 20 occasioni delle 29 totali e con la difesa che ha eretto una vera e propria muraglia davanti all'estremo difensore con solo 5 gol al passivo rispetto ai 15 generali. Van Bronckhorst ha fatto del De Kuip un vero fortino e i Rotterdammers tornano in corsa per il titolo con 32 punti, terzo posto consolidato e solo 7 lunghezze dalla vetta. Larsson si è finalmente svegliato e anche la doppietta contro il Venlo, nel recupero del 4 novembre, testimoniano l'arma in più che può sfoderare il tecnico per la rincorsa a Van Bommel. 



4. Sconfitta pesante per il Fortuna Sittard che continua a sorprendere in casa e a crollare lontano dal proprio stadio: 3-1 rimediato sul campo dell'Heerenveen che rende ancora più a singhiozzo il tragitto verso la permanenza nella massima serie olandese. Nella ultime 6 gare ci sono stati 3 successi al Wagner & Partners Stadion e 3 sconfitte distanti dalla città di Sittard. Dei 16 punti totali, davanti al proprio pubblico, i gialloverdi ne hanno totalizzati 11 con 15 reti delle 27 totali e solo 10 al passivo delle 27 generali. Un ottimo andamento che viene vanificato dalle partite in trasferta: una vittoria e 2 pareggi in 7 scontri con una difesa che fa acqua con 17 gol. Il tecnico vuole migliorare proprio l'approccio lontano dal proprio stadio che sta minando una salvezza tranquilla e abbastanza scontata.


5.Si stravolge un po' anche la classifica marcatori: una doppietta di Sol permette allo spagnolo di raggiungere, a quota 12, il capocannoniere De Jong, a secco contro il Feyenoord. Dolberg non si ferma e sale a 6 centri in 9 partite, confermando definitivamente il suo ritorno e primeggiando su Huntelaar, a secco fino al 75' e sostituito proprio dal danese. El Khayati e Lozano restano a 10 mentre Peterson si sveglia e sigla il suo 9° centro stagionale dopo un digiuno di 6 gare. Insieme al cacciatore a 7 ci sono anche Pereiro, Tadic, Ziyech e Van Persie, tutti grandi nomi che si sono presi uno stop e restano distanti dalle posizioni che contano. Entra in corsa Lammers dell'Heerenveen insieme a Dalmau dell'Heracles arrivati a quota 6 e da tenere sott'occhio in questa stagione. 



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top