Guida all'Eredivisie 2017/18 - Vitesse


IN CHELSEA WE TRUST

Fondato il 14 maggio 1892, il Vitesse ha potuto alzare il primo trofeo della sua storia solo lo scorso maggio quando, battendo l'AZ grazie a una doppietta di Ricky van Wolfswinkel, ha potuto alzare al cielo la Coppa d'Olanda. Sabato 5 agosto sarà l'occasione per rimpinguare la bacheca del club: al De Kuip di Rotterdam, infatti, i gialloneri contenderanno al Feyenoord padrone di casa e campione d'Olanda in carica, lo Johan Cruijff Schaal, ovvero la Supercoppa D'Olanda. Le basi per una stagione entusiasmante per i tifosi del Vitesse, quindi, ci sono tutte. Henk Fraser, allenatore delle aquile, anche quest'anno avrà l'occasione di allenare alcuni giovani di proprietà del Chelsea. 


Tim Matavz, di ritorno in Olanda dopo l'avventura con l'Augusta.
La partnership tra la squadra di Arnhem e i Blues quest'anno garantirà l'arrivo al Gelredome di 3 calciatori dal club londinese: si tratta di Fankaty Dabo (difensore di 21 anni), Mason Mount (trequartista di 18 anni) e Charlie Colkett (centrocampista di 20 anni), a cui si aggiunge Mukhtar Ali, che, dopo essere stato scaricato da Conte, ha firmato un contratto che lo terrà in Olanda fino al 2020. La finestra di calciomercato estivo ha portato tanti volti nuovi e qualche dolorosa cessione. Uno dei primi a salutare è stato il prolifico attaccante Van Wolfswinkel, che dopo una stagione positiva ha deciso di lasciare nuovamente l'Olanda e provare l'avventura in Svizzera, con la maglia del Basilea. Il suo posto al centro dell'attacco sarà preso da un altro figliol prodigo, Tim Matavz, che a 28 anni ha deciso di tornare in Eredivisie, campionato dove meglio è riuscito a mettersi in luce, chiudendo la sua avventura con l'Augusta. 


Bryan Linssen è uno dei nuovi acquisti del Vitesse,
arrivato questa estate dal Groningen.
Salutano anche Marvelous Nakamba (ceduto al Club Bruges), Kelvin Leerdam (che approda negli Stati Uniti, dove giocherà con i Seattle Sounders) e Lewis Baker (ritornato al Chelsea dopo il prestito). Sarà quello lasciato dall'addio del centrocampista inglese, con ogni probabilità, il buco più difficile da colmare per Fraser, chiamato a trovare un degno sostituto del classe '95 negli schemi di gioco della sua squadra. Detto di Matavz e dei ragazzi provenienti dal Chelsea, vale la pena spendere due parole anche sugli altri acquisti che, fino a ora, hanno caratterizzato l'estate del Vitesse. Operazioni mirate e relativamente economiche hanno portato alla definizione degli acquisti di Bryan Linssen dal Groningen e Thomas Bruns dall'Heracles Almelo. 

Con loro arrivano anche l'estremo difensore del PSV Eindhoven Remko Pasveer (Eloy Room sul punto di essere ceduto? Su di lui c'è l'Everton di Koeman...) e il sudafricano Thulani Serero, reduce da difficili stagioni ad Amsterdam, dove è stato relegato alla seconda squadra da Frank de Boer. Il centrocampista dei Bafana Bafana è dotato di buona tecnica individuale e in carriera ha messo in luce discrete doti di dinamismo, specie nella zona di campo tra il centrocampo e l'attacco. Dovesse avere la forza di risalire dal baratro in cui sembra esser piombato, potrebbe rappresentare un'importante pedina nello scacchiere del Vitesse. Fondamentale, poi, sarà riuscire a trattenere Milot Rashica: il classe '96 continua ad essere sul taccuino di diversi direttori sportivi di tutta Europa. In Italia si sono interessati a lui Napoli, Udinese e Milan, ma l'intenzione dichiarata dalla dirigenza del Vitesse è quella di tenerlo almeno per un altro anno. Siamo curiosi di vedere dove potrà arrivare questo Vitesse.


L'ALLENATORE: 
HENK FRASER 
51 anni








LA FORMAZIONE

Confermatissimo il 4-3-3 dello scorso anno, i cui interpreti saranno necessariamente destinati a cambiare. Spazio a Tim Matavz al centro dell'attacco, con l'ex Groningen Linssen destinato a sostituire Tighadouini sull'ala sinistra, mentre sulla destra ci sarà Rashica. A centrocampo molto dipenderà dall'impatto dei nuovi arrivati: in lizza almeno 5 calciatori per soli 3 posti, ma dovrebbero spuntarla Serero, Bruns e Foor. Fraser confermerà almeno per metà la linea difensiva composta da Kruiswijk e Kashia come centrali, con il giovane Miazga pronto a subentrare, mentre avrà ottime prospettive di esplosione il diciannovenne Julian Lelieveld, terzino destro di prospettiva che l'anno scorso ha debuttato in Eredivisie. E proprio Lelieveld si giocherà il posto con il giovane classe '95 Fankaty Dabo nel ruolo di terzino destro, mentre a sinistra dovrebbe scendere in campo Buttner.

OBIETTIVO: Terzo posto

LO STADIO: GELREDOME


Uno degli stadi più moderni d’Olanda, il Gelredome ha una capacità di 25.500 spettatori ed è dotato di tetto retrattile (unico impianto del Benelux ad averlo insieme all’Amsterdam Arena) e di campo scorrevole, che viene fatto passare in un foro di 85 metri sotto la Zuidtribune per poter “uscire” dallo stadio, rimanendo all’esterno di esso, permettendo una migliore illuminazione. Aperto il 25 marzo 1998 con un bellissimo spettacolo di luci davanti a 29.600 persone, l’impianto situato a sud di Arnhem ha ospitato tre partite di Euro 2000.



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top