Eredivisie - Le altre gare della 19ma giornata

Heerenveen - Heracles

Il brasiliano Everton, match winner della gara
Comincia male il 2013 dell'Heerenveen di Marco Van Basten, capitolato al quattordicesimo posto in classifica dopo la sconfitta interna con l'Heracles Almelo. 
Bastano 45 secondi per decidere la gara. E' di Everton il goal lampo (che, però, curiosamente, non è il più veloce della giornata, segnato invece da Malki del Roda): bravissimo il brasiliano a controllare il lungo lancio di Rienstra ed a trafiggere il portiere frisone.
Di fronte al proprio pubblico, l'Heerenveen ci tiene a recuperare ma, nonostante la mole di gioco prodotta, non riesce a riagguantare il risultato.
L'assenza di Finnbogasson, infortunato, e la scarsa vena realizzativa del pur bravo Djuricic, pesano come un macigno per i padroni di casa, che rischiano addirittura di subire il secondo goal nella ripresa, quando Armenteros (a proposito, l'attaccante di passaporto svedese ha firmato con i belgi dell'Anderlecht) va vicinissimo al goal dello 0-2. Il risultato, sbloccatosi prestissimo, non cambierà fino al 90'. 

Groningen - Utrecht

Alexander Gerndt anticipa un avversario
Importante vittoria in trasferta per l'Utrecht, che all'Euroborg di Groningen conquista l'intera posta in palio e rimane accodata al gruppo di testa, assestandosi in sesta posizione.
Dopo un primo tempo in cui l'ha fatta padrona la noia, il risultato cambia nella ripresa.
Un fallo di mano in area del Groningen, commesso da Kappelhof, fa si che gli ospiti, con lo svedese Gerndt, possano passare in vantaggio su calcio di rigore.
Nonostante la buona occasione capitata a Van Dijk, il Groningen subisce la seconda rete, stavolta su firma di Van der Hoorn, dieci minuti più tardi. Bravo, il difensore cresciuto nell'Omniworld, a trasformare in rete un calcio d'angolo, ottenuto poco prima dall'Utrecht grazie ad una deviazione di Bizot, nuovo estremo difensore dei biancoverdi del Groningen. 
Nel finale di gara, ci pensa Ruiter a salvare i suoi, evitando che lo svedese Sparv accorciasse le distanze. 
Nona sconfitta, quindi, per il Groningen, chiamato alla reazione già domenica prossima, nella sfida, in trasferta, contro il NEC Nijmegen.

FC Twente - RKC Waalwijk

Leroy Fer sempre più leader del Twente di Steve McLaren
Il Twente di McClaren si fa bloccare sullo 0 - 0 in casa dal RKC. I Tukkers si rendono pericolosi nel primo tempo con Chadli su punizione e con il buon lavoro di Tadìc da trequartista, ma i gialloblu non si limitano a difendere e ripartono in velocità e in maniera pericolosa con Jozefzoon, presentandosi più volte davanti all'estremo difensore del Twente. 
Durante il secondo tempo, il Twente cerca di portarsi in vantaggio con un vero e proprio assedio, ma il fortino del RKC regge ottimamente. La squadra di McClaren, sbilanciata in fase offensiva, presta il fianco al club della cittadina di Waalwijk, che con buoni spunti di Boukhari spaventa la tifoseria casalinga . Al 89' Fer va vicino al vantaggio con una rasoiata di mancino che dal limite dell'area sfiora il palo della porta difesa da Zoet, ma la partita termina comunque in parità. Twente che guadagna un punto sul PSV , affondato dal modesto PEC, posizionandosi in prima posizione.


Willem II - ADO Den Haag

Il Willem II ringrazia capitan Mulder, determinante quest'oggi
Nell'innevato pomeriggio domenicale si fronteggiano Willem II e ADO. Gli Zwanen si portano in vantaggio con Jansen che insacca di testa al 20' sugli sviluppi di un corner. I tricolores, tenaci come già sottolineato più volte, premono per il pareggio e al 33' si vedono annullare giustamente una rete, inizialmente concessa, per offside.
Le guardie del Re creano delle buone occasioni per ristabilire la parità e con mille sforzi si presentano pericolosamente nell'area avversaria a più riprese. Questi sforzi vengono premiati quando, al 78', Mulder pareggia i conti dopo un rimpallo decisivo nell'area dell'ADO. La partita termina così sull' 1 a 1. Un punto che non accontenta nessuna delle due compagini, invischiate nelle acque bassissime della classifica.

NAC Breda - VVV Venlo

Eric Mario Botteghin decisivo la sua rete per le sorti del suo NAC
Scontro salvezza al Rat Verlegh Stadion: i padroni di casa del NAC sono chiamati a vincere per schiodarsi dal penultimo posto ed abbandonare la zona retrocessione ai danni dello stesso VVV. Inizia in salita la sfida per i Rats di Nebo Gudelj: al 13' colossale indecisione di Luijckx che lancia Otsu in campo aperto, ten Rouwelaar va in presa bassa  ma stende il giovane giocatore nipponico, inevitabile il penalty. Alla battuta va lo stesso Otsu, ma il prezioso ten Rouwelaar neutralizza la massima punizione del giapponese.
La partita, vuoi per l'importante posta in palio e vuoi per la rigida temperatura risulta piuttosto bloccata, ma i gialloneri di Breda sembrano essere più in palla, tanto che al 90' Buijs batte una punizione dal vertice dell'area di rigore, trovando Eric Botteghin che sigla l'1-0 decisivo , e trasformando il Rat Verlegh Stadion in una bolgia ! La partita si chiude così : 3 punti importantissimi per il NAC che scavalca il VVV e si posiziona al 15° posto in attesa dei risultati della domenica.

Roda JC Kerkrade - NEC Nijmegen

Sanharib Malki vero trascinatore del Roda JC 
Il Roda è chiamato a vincere, dopo i successi del PEC e del NAC Breda, contro un NEC in buona condizione. L'ultima partita della 19esima giornata parte decisamente in discesa per i padroni di casa , che dopo nemmeno 13 secondi, con una azione repentina e qualche indecisione della difesa rossoverde, si portano in vantaggio con un pallonetto di testa del siriano Malki. Gli ospiti cercano il pareggio e sfiorano il gol più volte: prima si vedono salvare sulla linea una conclusione di Navarone Foor e poi colpiscono una traversa a Kurto battuto. Lo spingersi in avanti dei giocatori del NEC, inevitabilmente crea spazi per la squadra di casa che, grazie ad uno scatenato Malki, li sfrutta al meglio: il siriano, al minuto 68', si guadagna un calcio di punizione all'altezza del corner  e decide di andare lui stesso alla battuta. Il suo calcio da fermo pesca Lebedynski che di testa, indisturbato, sigla il goal del raddoppio. La partita finisce così, con la squadra di Kerkrade che si porta in 15esima posizione, fuori dalla zona retrocessione. Notevole passo indietro per il NEC, poco preciso sotto porta e reo di aver perso un prezioso scontro contro una rivale.



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top