NEC Nijmegen, pronto un forte investimento da parte di Marcel Boekhoorn

Marcel Boekhoorn, un ricco imprenditore locale, che già in passato ha investito parte del suo patrimonio per la crescita e lo sviluppo del NEC Nijmegen, sembra intenzionato a guidare una cordata di imprenditori che vuole puntare forte sulla squadra della cittadina del Gelderland.
Tifosissimo del NEC, Boekhoorn, che è, al contempo, il suocero ed uno dei maggiori sponsor del pilota olandese di GP2 Giedo Van Der Garde, avrebbe convinto altri investitori a destinare ingenti cifre nello sviluppo del club rosso-nero-verde.
L'idea di una florida situazione finanziaria, che possa permettere, se non di competere con quella degli acerrimi rivali del Vitesse, almeno di mantenere una solida ossatura della squadra e di ingrandire lo stadio, attrae una larga parte dei tifosi, che però sono scettici sul futuro, a medio e lungo termine, del loro club:tra i principali obiettivi della società ci sarebbe, come detto, l'espansione dello stadio, attualmente di proprietà della municipalità di Nijmegen. Il forte senso di appartenenza, molto radicato in Olanda, ha spinto il consiglio municipale a rifiutare la prima offerta, arrivata dalla Olympia, per l'acquisto del nome dello stadio De Goffert.

Situata al centro di un parco, circondato da alberi, l'attuale dimora del NEC non deve, a detta del borgomastro di Nijmegen, stonare con l'ambiente circostante. Proprio per questo, inizialmente, si era pensato alla costruzione di un nuovo stadio, ma il progetto sembra troppo ambizioso anche per le casse di Boekhoorn e soci. Probabile, allora, che la situazione si possa risolvere trovando un accordo: i milioni dei nuovi investitori possono servire a rendere più funzionale il De Goffert, inaugurato nel 1939 dal principe Bernhard d'Olanda.

Le novità, in casa NEC, non sono finite qui: dopo la conferma dell'ingaggio di Pàlsson, svincolatosi dai New York Red Bulls e legatosi al NEC con un contratto di 3 anni e mezzo, a Nijmegen c'è un gradito ritorno: stiamo parlando di Joel Tshibamba, che dopo aver provato l'avventura in giro per l'Europa, giocando con Arka Gdynia, Lech Poznan, Larissa e Krylya Sovetov Samara, è tornato ad allenarsi con la selezione non professionistica del NEC, per poter giocare in Hoofdklasse.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top