Erwin blocca Ronald: la sfida tra i fratelli Koeman termina con un punto a testa per RKC e Feyenoord

Stefan De Vrij in scivolata
È la 30esima giornata di Eredivisie ed il Feyenoord di Ronald Koeman è ancora in lotta per il titolo.  I Rotterdamers sperano in un pareggio fra Ajax e PSV Eindhoven, che come da programma giocheranno alle 16:30, e confidano che il modesto RKC Waalwijk non crei troppi grattacapi alla compagine biancorossa. 
L'RKC, che quest'oggi è la squadra ospitante, si ritrova a quota 30 con 3 lunghezza dal Roda JC, che risiede in terzultima posizione, e non può dirsi certo tranquillo perché i gialloneri di Kerkrade si sono dimostrati un osso duro persino per il Vitesse, rimontato di 3 reti. A sei turni dal termine del campionato, mettere a segno qualche punto valido per la salvezza sarebbe più che importante. Erwin Koeman schiera i suoi leoni con un 4-4-2, con un centrocampo a rombo. Davanti al bravo Jeroen Zoet, a difesa della porta, agiscono Martina, Drost, Ramos e Van Peppen. Duits, Rodney Sneijder, fratello del più famoso Wesley, Boukhari e Braber compongono il quartetto in mediana, mentre Jozefzoon e Lieder sono i due attaccanti.
I Rotterdamers scendo in campo con il solito modulo, un 4-3-3 con la sola novità rappresentata da Gossens, schierato come centrocampista offensivo in luogo dell'infortunato Immers. Confermatissimo, quindi, il tridente composto da Schaken, Pellè e Boetius. 
L'arbitro del match è Serdar Gözübüyük.
La partita ha inizio in una splendida cornice primaverile e al 2' minuto Pellè impegna Zoet con un pregevole colpo di testa assistito da Clasie, sulla respinta del giovane portiere olandese capitan De Vrij non trova il tap-in vincente. 
A 10 minuti dall'inizio del match Schaken scappa sull'out di destra e viene atterrato, in area di rigore, da Van Peppen.
Dopo qualche istante di esitazione, il direttore di gara assegna il penalty al Feyenoord. Alla battuta va Pellè, che abilmente trasforma la massima punizione, infilando il pallone all'angolino sinistro dove Zoet non può arrivare e portando, così, Feyenoord in vantaggio. Rete numero 23 in campionato per l'attaccante salentino, bravo, al 33', a mettere ancora i brividi alla tifoseria di casa: dopo un cross di Janmaat e la sponda di Clasie, l'attaccante leccese sfiora il raddoppio con una buona girata volante che si spegne di poco a lato. 
La prima frazione finisce qui, con uno scatenato Pellè che mette costantemente sotto scacco la difesa avversaria. I padroni di casa non sembrano essere abbastanza lucidi per creare una controffensiva adeguata, consentendo al Feyenoord di trovarsi in vantaggio con merito. Con ancora metà gara da giocare, però, nulla può dirsi deciso.

Il secondo tempo si apre con un sussulto dei gialloblu: Teddy Chevalier va alla conclusione dal limite dell'area di rigore, ma  il tiro è troppo debole per impegnare Mulder.  
Al 56' la svolta: Duits ruba abilmente palla a centrocampo a Boetius e, con il Feyenoord sbilanciato in avanti, effettua una percussione che lo porta sulla linea dei 16 metri da cui, completamente libero, piazza di sinistro un rasoterra che punisce inesorabilmente Mulder. 
Una volta raggiunto, il Feyenoord prova a riprendere l'iniziativa e rischia di passare per la seconda volta in vantaggio a 20 minuti dal termine: Vilhena batte un ottima punizione dai 30 metri e pesca De Vrij, il cui colpo di testa finisce, però, distante dalla porta di Zoet. Poco dopo ci prova Janmaat su punizione, ma il suo tiro potente è però annullato dalla presa ferrea di Zoet. 
L'assalto a Forte Apache non porta il risultato sperato e negli ultimi minuti i Rotterdamers non riescono a bucare nuovamente l'RKC. Il risultato finale sarà allora RKC Waalwijk - Feyenoord 1 a 1.

La partita ha fornito differenti spunti di riflessione: il Feyenoord è probabilmente fuori dalla corsa al titolo e il motivo è la poca esperienza di una parte dei suoi giocatori. La rete del pareggio degli avversari ne è la conferma. Ronald Koeman può dirsi comunque soddisfatto di questo team che schiera in campo regolarmente un 95', Vilhena, e un 94', Boetius. A mio avviso il Feyenoord ha giocato un grande campionato e vedremo se riuscirà a conquistarsi un secondo posto valido per l'Europa che conta. Pellè ha giocato un ottima partita anche oggi, dimostrandosi il più pericoloso dei suoi ed una vera e propria mina vagante per il reparto difensivo avversario. 
Una citazione la merita Ruud Vormer, unica nota stonata di questo Feyenoord: chiamato a giocare in una grande del calcio olandese, l'ex Roda non si è dimostrato all'altezza e la sua punizione sparata in tribuna, a due minuti dal termine ne è la dimostrazione. 
La sfida nella sfida fra i fratelli Koeman l'ha vinta Erwin che, arroccandosi in difesa, è riuscito a strappare un punto fondamentale in ottica salvezza.

Sintesi di RKC Waalwijk - Feyenoord :



Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top