Ajax: pronta una collaborazione con il Manchester United?

"Un club del calibro del Manchester United vorrebbe mandare i loro giovani a fare esperienza in Olanda? Potrebbe essere un opzione interessante". Questo il primo commento di Frank de Boer al rumour rimbalzato nelle ore, che vorrebbe vicinissima una partnership tra i Red Devils e l'Ajax Amsterdam.
Un link con l'Olanda, lo United sembrava averlo trovato già alcuni anni fa, quando da Manchester alcuni emissari partirono alla volta di Enschede, per stabilire un accordo simile con il Twente. Oggi, anche grazie all'arrivo di Edwin van der Sar tra i dirigenti dei Lancieri, una nuova partnership sembra essere alle porte. L'occasione sarebbe ottima per entrambe: ad Amsterdam arriverebbero giovani di sicuro talento o calciatori chiusi dalle scelte di Alex Ferguson, mentre il club inglese avrebbe la possibilità di far maturare i propri gioielli, oltre ad una ovvia corsia preferenziale per l'acquisto dei migliori giocatori biancorossi.

Il discorso della collaborazione tra i due club vedrà sicuramente coinvolti Rene Meulensteen e lo stesso Van der Sar, vero e proprio ponte tra le città di Amsterdam e Manchester. I tifosi dell'Ajax, però, possono dormire sonni tranquilli: i Lancieri non diventeranno una squadra satellite dello United, visto che non è previsto alcun obbligo di vendere giocatori al club inglese. Piuttosto, saranno proprio Alex Ferguson ed i suoi diavoli rossi a poter beneficiare della possibilità di far crescere i propri ragazzi in Eredivisie, campionato adatto ai giovani e giovanissimi
Inoltre, questione da non sottovalutare, gli scout del Manchester United avrebbero una maggiore possibilità di osservare i talenti olandesi del resto delle squadre, bruciando, così, i propri rivali nella corsa ai futuri campioni.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top