I talenti del calcio olandese - Dani van der Moot, attaccante del PSV che piace al Liverpool


Dopo un lungo predominio, per quanto riguarda le accademie giovanili, del Toekomst dell'Ajax e del Varkenoord del Feyenoord, anche ad Eindhoven hanno deciso di puntare forte sui giovani, abbassando vertiginosamente l'età media della prima squadra ed affidando ad Art Angeler, ex allenatore del PEC Zwolle, la guida dell'intero settore giovanile, con l'obiettivo di renderlo competitivo e di costruirsi in casa i propri futuri giocatori, con tutti i conseguenti benefit che ne derivano.

L'ultimo talentino che sta crescendo nell'Herdgang si chiama Dani van der Moot, attaccante diciassettenne del PSV A1, che spera di ripercorrere in breve tempo le orme di alcuni suoi compagni, debuttanti in prima squadra prima dei 18 anni.

Nato il 7 marzo 1997 e cresciuto nell'AZ Alkmaar, dopo aver segnato oltre 30 goal in campionato, il ragazzo è stato al centro dell'ennesima contesa tra PSV ed Ajax, entrambe intenzionate ad accaparrarselo per rinforzare le proprie giovanili. 
Dopo una lunga indecisione, il biondo centravanti ha scelto di trasferirsi nell'accademia giovanile del PSV, forse perchè spaventato dalla concorrenza che avrebbe trovato ad Amsterdam.
In un intervista al sito ufficiale del club, il giovane Dani ha, però, dichiarato di ammirare il Liverpool, squadra per cui tifa sin da bambino. Una buona notizia per i Reds, apparsi intenzionati ad acquistare il sedicenne, osservato in più di un occasione durante le partite con la squadra B1 del PSV Eindhoven, allenata da Claudio Ferreira Braga. La selezione per i giocatori di 16 e 17 anni, però, sembra troppo poco competitiva per lui: così, dopo lo stop invernale, verrà integrato nella squadra A1, pronto per il salto nello Jong PSV.


I suoi eroi sono Ibrahimovic e Van Persie, ma possiamo dire che per ora ricorda più un puro finalizzatore come Alfred Finnbogason: molto bravo in area di rigore ma con tanto da imparare ancora per quanto riguarda il gioco senza palla, specie quando è più lontano dalla porta. Tra i suoi punti di forza c'è sicuramente il colpo di testa, che lo rende un centravanti d'area di rigore irruento e difficile da marcare.

Goal ed assist, per lui, anche con la maglia della nazionale olandese Under 17, con cui ha ben figurato durante le qualificazioni agli Europei di categoria, segnando 3 goal e servendo 2 assist ai compagni, prima di raggiungere il secondo posto nella competizione estiva.

Il suo biglietto da visita è questo goal, segnato contro i pari età del Groningen:

 


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top