Milan, parte la gestione Seedorf: ecco le scelte "arancioni" del nuovo allenatore dei rossoneri

Clarence Seedorf all'approdo a Milanello
I deludenti risultati di Massimiliano Allegri e la turbolenta situazione societaria hanno portato la società rossonera ad esonerare il tecnico livornese. Clarence Seedorf è stato scelto come successore sulla panchina dell’A.C. Milan. La scelta ha generato qualche perplessità, soprattutto riguardo alla capacità dell’olandese di mettersi a sedere su una panchina così importante, quanto calda, in questi ultimi anni di vacche magre. Aldilà delle capacità da allenatore dell’ex centrocampista della nazionale Oranje andiamo a scoprire presumibilmente quali saranno i suoi accorgimenti tattici e nello staff.

Il modulo è meno “olandese” di quanto ci si aspettasse: Seedorf adotterà il 4-2-3-1, disposizione in campo che ricorda quella di Bert Van Maarwijk nella sua quadriennale gestione della nazionale Oranje. Verranno esaltate le doti d’interdizione di De Jong, ritrovato dopo il bruttissimo infortunio al tendine d’Achille che lo ha fermato per tutto il corso della passata stagione. L’altro olandese in rosa andrà ad occupare l’out mancino di difesa. Urby Emanuelson, oggetto quasi misterioso durante la gestione Allegri, avrà tutto il tempo di ambientarsi in un ruolo che più volte non ha dimostrato propriamente suo. Emanuelson, protagonista di prestazioni altalenanti durante la sua avventura italiana, sarà una pedina importante nel progetto di Seedorf e le recenti dichiarazioni dell’ex Botafogo lo confermano. Sarebbe davvero un’ottima alternativa per la nazionale se il terzino acquisirà, finalmente, una maturità calcistica in grado di farlo rendere ai massimi livelli del calcio mondiali. Si prospettano 6 mesi di crescita per i due tulipani, il cui duro lavoro, combinato ad una serie di buone prestazioni, potranno garantirgli un pass per i mondiali in Brasile.

Per quanto riguardo lo staff, i nomi “arancioni” accostati al Milan sono diversi, ma sono tutte suggestioni per la prossima stagione. Le ipotesi più discusse riguardano Patrick Kluivert, che difficilmente arriverà per vestire i panni del preparatore degli attaccanti (Hernan Crespo sembra essere il favorito per questo ruolo), mentre potrebbe assistere Seedorf come vice-allenatore, carica che riveste nella nazionale. La possibilità non è da trascurare, visto che l’attuale detentore dell’incarico, Mauro Tassotti, lascerà a fine stagione. 
Edgar Davids ha recentemente lasciato il ruolo di giocatore-allenatore del Barnet, ma le voci che lo riguardano sanno più di speculazioni mediatiche che di ipotesi tangibili. Jaap Staam è sicuramente la possibilità più prestigiosa: difficile che l’attuale preparatore dei difensori dell’Ajax lasci De Boer nel bel mezzo della stagione. L’ex Manchester United ha già diverse esperienze come preparatore anche con altri club, come il PEC Zwolle e potrebbe rappresentare una svolta per un reparto difensivo che da sempre soffre sui palloni a spiovere e che nelle ultime 2-3 stagioni ha palesato lacune e smagliature allarmanti.

L’aspetto più esotico e che intriga i nostri lettori è quello del calciomercato. I nomi di probabili campioni olandesi destinati sono già stati fatti: De Jong e Maher soprattutto. Siem De Jong in maniera repentina, quanto sferzante, ha smentito un possibile approdo al Milan. La destinazione prediletta del capitano dell’Ajax sarebbe l’Inghilterra (il Newcastle sembra in vantaggio sul giocatore n.d.r.), ma anche un possibile investiture nella Bundesliga accontenterebbe il numero 10 Ajaced. Adam Maher è già una pista più valicabile per la prossima stagione. L’ex AZ Alkmaar si calerebbe a meraviglia nel progetto-Seedorf, andando a ricoprire in uno dei 3 ruoli della trequarti milanista. L’esborso è notevole e l’età di Maher, classe 93’, possono destare delle perplessità legittime, ma le doti balistiche del ragazzo di origine marocchina sono da top club. Le voci di mercato si fermano qui, ma un possibile interesse per giocatori come Clasie, Martins Indi o Fischer potrebbero concretizzarsi nella finestra estiva di mercato, durante la quale Seedorf ed il suo Milan avranno più spazio di manovra.

Tirando le somme di questa investitura come allenatore dei rossoneri sorgono spunti interessanti ed accattivanti per chi desidera vedere una Serie A e magari nello specifico il Milan con qualche tonalità di arancione in più.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

1 Commenti a quello che hai letto:

  1. Magari!!! Il milan degli olandesi con quei giocatori citati nell'articolo il livello di qualità aumenterebbe molto...anche willems non sarebbe malaccio! Non capirei la scelta di de jong di preferire il newcastle(a proposito da loro prenderei anche santon e sopratutto il portiere olandese krul x me fortissimo!!!)al milan...ma non me ne farei un dramma...buon giocatore ma se preferisce l'inghilterra pazienza nessun dramma!

    RispondiElimina

Back
to top