Mondiale - "Adios Amigos!", gaffe della KLM su Twitter: migliaia di risposte al veleno. Poi il tweet sparisce.






































Ha il sapore di una vera e propria gaffe il tweet della compagnia di volo olandese KLM, la quale al termine della partita tra la nazionale Oranje e quella messicana ha festeggiato la vittoria dell'Olanda con un tweet in cui compariva il cartello delle partenze di un aeroporto, con un uomo stilizzato con i baffi e il sombrero, accompagnato dalla scritta "Adios Amigos!" (nella foto in alto). 

I supporter messicani non hanno decisamente gradito e, dopo le centinaia di risposte offese, la KLM ha provveduto a cancellare il tweet incriminato, il quale però era già stato ritwittato da oltre 10.000 utenti, facendo in pochi minuti il giro del mondo. A fare notizia è stato anche la piccata risposta dell'attore messicano Gael Garcìa Bernal, il quale ha insultato la compagnia di bandiera olandese, promettendo che non metterà mai più piede su un loro aereo (nella foto in basso, insieme a un tweet al veleno di un altro utente). "Era solo uno scherzo che non voleva offendere nessuno, ma ci sono state troppe reazioni negative", ha dichiarato la portavoce della KLM, Lisette Ebeling Koning. 



Nel frattempo, alla compagnia olandese ha risposto quella messicana AeroMexico, che ha twittato un'immagine degli arrivi di un aeroporto, con la scritta "Grazie per questo grande campionato, siamo orgogliosi e vi aspettiamo a casa" (nella foto in basso). Nato come uno scherzo, quello della KLM ha assunto i caratteri di un autogol, per stare in ambito calcistico, in quanto la KLM, essendo unna compagnia internazionale, rischia seriamente di perdere molti clienti, soprattutto quelli messicani..












































                                                                              


































































































Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top