Guida all'Eredivisie 2015/16: l'Excelsior

LA SQUADRA
Dopo la salvezza portata a casa ad una sola giornata dalla fine del campionato, l’Excelsior ha dimostrato di essere, lo scorso anno, una squadra altalenante, fin troppo. L’unico punto fermo? I 13 gol, decisivi per la seconda squadra di Rotterdam, dell’attaccante Van Weert, che ha sostituito molto bene la scorsa estate il partente Veldwijk, accasatosi al Nottingham Forest, dimostrando di essere l’asso nella manica di questo campionato di Eredivisie. Designata da molti una delle squadre più a rischio retrocessione, la piccola compagine dell’Excelsior vuole stupire ancora, puntando dritto a rimanere nella massima serie olandese, cercando di fare meglio, se possibile, della passata stagione, quando solo l’evidente inferiorità delle tre squadre che poi hanno salutato la categoria ha salvato il club.


Rinforzatasi abbastanza in questo mercato, con il prezioso ritorno dal prestito all’Helmond Sport del trequartista Hutten e alcuni acquisti oculati, come il terzino Kuipers dallo Jong Ajax, l’ala Kuwas dal Volendam e, forte quello che si potrebbe rivelare il più importante, ovvero il portiere polacco Kurto dal Dordrecht, a giugno l’Excelsior ha dato una chance in panchina al debuttante in Eredivisie Groenendijk, che quasi sicuramente confermerà il tridente titolare dello scorso anno, cercando allo stesso tempo di inserire alcuni giovani molto interessanti (oltre al già citato Kuwas, ci sono anche De Reuver e il bosniaco-olandese Maletic) che potrebbero davvero fare bene e dare una mano alla causa.

Probabile formazione titolare (4-2-1-3): Kurto; Bovenberg, Fischer, Mattheij, Kuipers; Stans, Auassar; Hutten; Botaka, Van Weert; Van Mieghem.


Obiettivo: salvezza


LA CITTA'
Seconda città d’Olanda dopo la capitale Amsterdam, Rotterdam è famosa per avere il porto più grande d’Europa, costruito sulle rive del fiume Nieuwe Maas. Colpita da violente inondazioni nel 1150, la città prende il nome da quello di una diga (dam in olandese), costruita nel 1260 sul fiume Rotte, nell'attuale Hoogstraat. Dalla metà del Trecento, con l’apertura del Rotterdamse Schie, un canale navigabile, il porto di Rotterdam crebbe gradualmente, diventando uno dei più importanti del Paese.

Il 14 maggio 1940 fu il giorno più nero e tragico della sua storia: dopo cinque giorni dall’invasione tedesca nei Paesi Bassi, la Luftwaffe bombardò pesantemente il cuore di Rotterdam, sganciando, dalle ore 14, 97 tonnellate di bombe che fecero 900 morti. La città venne ricostruita quasi totalmente tra gli anni ’50 e ’70, consentendo di adottare una nuova e precisa politica architettonica, occasione perfetta per rimediare a molti dei problemi che vi erano presenti nella vecchia città, come l’affollamento dei quartieri più poveri. Oggi Rotterdam appare come una moderna e ricca città industriale. 

LO STADIO
la mia immagineQuello dell’Excelsior è, ancora una volta, lo stadio più piccolo dell’Eredivisie, con appena 3.531 posti. Ubicato nel quartiere centro-orientale di Kralingen a Rotterdam, sulla riva opposta del Nieuwe Maas rispetto al più grande De Kuip, lo Stadion Woudestein vide la luce il 23 luglio 1902, giorno della fondazione stessa del club, allora formato da un gruppo di amici e giovani del quartiere, i quali nel 1907 dovettero lasciare il campo dopo la decisione del Comune di Rotterdam di destinare il terreno in cui sorgeva il campo ad un ippodromo di corse di cavalli, che però non ebbe successo. Negli anni ’30 il sito fu designato per la costruzione di una caserma di marine, mentre lo stadio fu utilizzato stabilmente dopo la completa ristrutturazione del 1939, con l’inaugurazione ufficiale avvenuta il 9 settembre di quell’anno. Durante il secondo conflitto mondiale fu utilizzato come deposito per i cannoni destinati alla difesa contraerei, mentre tra il 1997 e 2000 fu oggetto di una nuova ristrutturazione.
L'ALLENATORE LA STELLA
ALFONS GROENENDIJK - Ex calciatore classe ’64 di varie squadre, tra le quali ADO Den Haag, Roda JC, Ajax e Sparta Rotterdam, tra gli anni ’80 e ’90, Groenendijk, una volta appesi gli scarpini al chiodo, ha allenato diversi club, prima di approdare nel 2012 all’Ajax. Allenata per una stagione la selezione A1, due anni fa è diventato il tecnico dello Jong Ajax, in Eerste Divisie, per poi passare nel settembre 2014 in Romania, dove è stato nominato direttore tecnico dell’Universitatea Cluj, ruolo ricoperto fino allo scorso marzo. A giugno è stato chiamato dall’Excelsior per dirigere la seconda squadra di Rotterdam nell’Eredivisie 2015/16, verso una salvezza non semplice, almeno sulla carta.
TOM VAN WEERT - Attaccante classe ‘90, Van Weert ha trascinato a suon di gol (13 reti in totale) l'Excelsior verso una agognata salvezza e anche quest'anno i tifosi della seconda squadra di Rotterdam ripongono su di lui una buona fetta di speranze di permanenza in Eredivisie.


Punta centrale di un certo peso, Van Weert ha giocato per otto stagioni, tra il 2008 e il 2014, tra le fila del Den Bosch, in Eerste Divisie, prima di trasferirsi la scorsa estate a parametro zero all’Excelsior.


LA ROSA
NOME RUOLO NAZIONALITA'
Filip KURTO Portiere Polacco
Alessandro DAMEN Portiere Olandese
Kenzo ABEL Portiere Olandese
Sander FISCHER Difensore Olandese
Kevin VAN DIERMEN Difensore Olandese
Jurgen MATTHEIJ Difensore Olandese
Bas KUIPERS Difensore Olandese
Elso BRITO Difensore Olandese/capoverdiano
Khalid KARAMI Difensore Olandese/marocchino
Daan BOVENBERG Difensore Olandese
Adil AUASSAR Centrocampista Marocchino/olandese
Rick KRUYS Centrocampista Olandese
Toni VARELA Centrocampista Capoverdiano/olandese
Jeff STANS Centrocampista Olandese
Luigi BRUINS Centrocampista Olandese/italiano
Kevin VERMEULEN Centrocampista Olandese
Lars HUTTEN Centrocampista Olandese
Daryl VAN MIEGHEM Attaccante Olandese
Jordan BOTAKA Attaccante Congolese/olandese
Nigel HASSELBAINK Attaccante Surinamense/olandese
Brandley KUWAS Attaccante Olandese
Tom VAN WEERT Attaccante Olandese
Carlo DE REUVER Attaccante Olandese
Cedric BADJECK Attaccante Olandese/camerunense
Marko MALETIC Attaccante Bosniaco/olandese

CURIOSITA'
Durante il cosiddetto Hongerwinter (“inverno della fame” in italiano), a cavallo tra il 1944 e il 1945, ci fu talmente carenza di generi di prima necessità tra la popolazione civile di Rotterdam che lo Stadion Woudestein fu presidiato per evitare il furto di parte delle tribune, costruite in legno, che poteva venire utilizzato dalla gente per riscaldarsi dal freddo.
(Fonte foto: SVB Excelsior, Omroep Brabant, Telegraaf)
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top