#SquadreNellOmbra - Il Be Quick 1887, campione d'Olanda nel 1920 guidato da Evert van Linge, capitano-architetto del maestoso Stadion Esserberg




È una squadra intrisa di storia pluricentenaria quella che visitiamo oggi per #SquadreNellOmbra. È uno dei club più antichi dell’Olanda del nord, ricco di successi nel primo dopoguerra (laureatosi anche campione d’Olanda quasi cento anni fa, nel lontano 1920) e oggi relegato ad un ruolo da semplice comparsa tra i dilettanti dopo l’ascesa incontrastata sul panorama locale e regionale di un’altra squadra, il GVAV, poi diventato il Groningen che tutti oggi conosciamo. Stiamo parlando del Be Quick 1997.

LA STORIA


Fondato il 10 aprile 1887 da alcuni studenti dell’allora Stedelijk Gymnasium, il ginnasio cittadino (oggi è il prestigioso Praedinius Gymnasium), il Be Quick 1887 rappresenta uno delle squadre calcistiche più antiche dell’intera Olanda. Il club trovò inizialmente casa presso un campo di esercitazione militare nelle vicinanze dell’ex prigione lungo Hereweg (oggi diventata la famosa clinica psichiatrica forense  FPC Dr. S. van Mesdag), mentre già nel 1895 venne iscritta al campionato regolare, il primo della storia, organizzato dalla NVB (poi diventata KNVB), ritrovandosi a disputare il girone A della Tweede Klasse, la più alta divisione regionale di allora, arrivando sempre nelle primissime posizioni (vincendo nel 1868, 1897, 1906 e 1916). Le gare si disputavano in un campo lungo Verlengde Hereweg, sul lato opposto di Villa Gelria, nella parte meridionale della città.


Con la riorganizzazione dei campionati del 1916, quell’anno il Be Quick 1887 passò in Eerste Klasse. Questo è il periodo d’oro del club di Groningen, quello tra il 1915 ed il 1926: durante tutti questi anni, con l’eccezione del 1925, diventò campione regionale del nord. Il 6 giugno 1920 è una data storica: quel giorno, davanti a ben 10.000 spettatori assiepati sul campo di Villa Gelria, il Be Quick guidato dal difensore nonché capitano Evert van Linge sconfisse per 4-0 il VOC, squadra di Rotterdam, laureandosi campione d’Olanda. Ecco la formazione scesa in campo: Evert Bulder, Jaap Bulder, Appie Groen, Rieks de Haas, Herman Legger, Evert van Linge, Harry Rodermond, Deck de Ruiter Zijlker, Siebolt Sissingh, Hans Tetzner e Max Tetzner.



Grazie a questi successi, il club riuscì a comprare un campo a sud di Groningen nel quale venne costruito il nuovo stadio, progettato.. dal capitano della squadra! Ebbene sì, l’architetto dell’impianto fu proprio Evert van Linge, che diventò, negli anni successivi, anche un importante rappresentante di uno stile di architettura moderna chiamato Scuola di Amsterdam.

Evert van Linge, capitano campione d'Olanda nel 1920 e architetto dello Stadion Esserberg
Anche dopo il periodo d’oro del club, il Be Quick 1887 continuò a mantenere la propria egemonia regionale, vincendo altre 4 volte il girone del nord negli anni ’30 e nei primi anni ’40, arrivando a laurearsi campione regionale per ben 18 volte prima della Seconda guerra mondiale (1896, 1987, 1906, 1915, 1916, 1917, 1918, 1919, 1920, 1921, 1922, 1923, 1924, 1926, 1936, 1937, 1938, 1941). Già dalla metà degli anni ’20, però, il club dovette cedere pian piano lo scettro di prima e incontrastata squadra della città di Groningen, prima con l’ascesa del Velocitas (che portò a casa 8 dei 9 campionati del nord tra il 1927 ed il 1935) e poi con la salita al potere cittadino del GVAV-Rapiditas (che vinse un solo campionato del nord, nel 1940, e, dopo il passaggio nel calcio professionistico, cambiò nome nel Groningen che oggi tutti conosciamo).

Dopo il secondo conflitto mondiale la situazione non migliorò di certo e, dopo l’introduzione del calcio professionistico nel panorama calcistico olandese, nel 1954, la resistenza del club a non piegarsi verso il pagamento di un regolare stipendio ai giocatori ebbe la meglio e il club, inizialmente iscritto all’Eerste Klasse, rinunciò al calcio professionistico alla fine della stagione di Tweede Divisie (la terza ed ultima lega professione olandese) 1963/64, degradandosi volontariamente nel mondo dei dilettanti. Il GVAV-Rapiditas aveva conquistato l'egemonia assoluta sulla città.

Da allora il Be Quick 1887 naviga nelle acque della Eerste Klasse, Tweede Klasse e Derde Klasse, riuscendo a raggiungere l’Hoofdklasse solo recentemente, negli anni ’90 e nel nuovo millennio, in particolare dal 2003. Da quell’anno il club di Groningen ha ottenuto due volte la promozione in Topklasse: nel 2013, quando vinse il girone C della domenica di Hoofdklasse ma venne retrocessa al termine della successiva stagione di Topklasse, e nel 2016, quando arriva secondo nel proprio girone e ottiene il prezioso pass per la Derde Divisie (che nel frattempo, con la riforma del calcio olandese della scorsa estate, ha preso il posto della Topklasse) dopo i play-off. Oggi disputa il girone domenicale della stessa Derde Divisie, navigando nella parte alta della classifica.

LO STADIO


Il Be Quick 1887 disputa le proprie partite casalinghe allo Stadion Esserberg, situato nel Comune di Haren, a sud della città di Groningen, fin dal lontano 18 novembre 1921, data della sua inaugurazione. Progettato, come già detto, da Evert van Linge, uno dei giocatori del Be Quick 1887 laureatosi campione d’Olanda l’anno precedente, nel 1920, l’impianto fu ristrutturato tre volte nel corso della sua storia: nel 1933, in particolare, bruciò la tribuna in legno e così Van Linge ne costruì una nuova in calcestruzzo, ispirandosi chiaramente alla Marathon Tribune dell’Olympisch Stadion di Amsterdam (le altre ristrutturazioni sono molto più recenti, nel 2010 e 2015). Costruito originariamente per ospitare 18.000 spettatori, oggi la sua capienza è stata ridotta a 12.000, un numero molto importante per la categoria dilettantistica in cui il Be Quick 1887 milita.
 
Il caratteristico ingresso dello Stadion Esserberg



(Fonte foto: AmsterdamseSchool.nl, Frank de Kleine per EveryStockPhoto, GrootGroningen.com)

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top