Heerenveen e Roda: tanti goal, ma quanti errori! La squadra di Marco Van Basten pareggia 4 a 4

L’anno scorso queste due squadre diedero vita alla più bella partita della stagione. Allora finì 4-3 per i frisoni, ma anche quest'anno Heerenveen e Roda hanno dato spettacolo, terminando l'incontro sul rocambolesco risultato di 4-4! Ma se nell'incontro della passata stagione il risultato fu frutto dell’eccellente qualità delle due compagini, con giocatori del calibro di Dost e Narsingh, insieme a Malki i protagonisti assoluti, in questo 4-4 invece si sono visti i grandi limiti di due squadre a dir poco in crisi.
Avendo ceduto pezzi da 90 come Assaidi, Dost, Narsingh, Elm e Janmaat, era ampiamente pronosticabile un declino dell’Heerenveen rispetto alla passata stagione, ma probabilmente non ci si aspettava di una prima metà di campionato così negativa. Difatti avendo affidato la panchina a van Basten, non proprio uno qualunque, probabilmente i progetti del club erano altri. Questa situazione non poteva lasciare indifferente Foppe de Haan, icona dell’Heerenveen, di cui è stato allenatore per ben 15 anni(!) culminati con la qualificazione in Champions League nel 1999. 
In settimana, infatti, de Haan ha detto la sua, senza peli sulla lingua: “le linee sono troppo distanti, i giocatori tengono troppo tempo la palla tra i piedi e il gioco di posizione viene praticato in maniera errata”. E se da una parte elogia Finnbogason come unica nota positiva, critica pesantemente Djuricic: il talento serbo è in odore di trasferirsi in una grande squadra, ma l’idea di de Haan è diversa: “prima deve diventare un buon giocatore all’Heerenveen. Gioca ancora come in una scuola calcio, prima di passare la palla prova a saltare due, tre o anche quattro avversari”.  
Inoltre poco prima dell’ inizio del match contro il Roda, ai microfoni dell’ emittente Eredivisielive, de Haan si è detto disponibile a dare una mano a van Basten per cercare di uscire da questa situazione.
La risposta di Djuricic arriva sul campo, quando al 25’ porta i suoi in vantaggio: il serbo prende palla all’altezza del centrocampo, si invola solitario fino al limite dell’area avversaria e lascia partire un destro, non proprio irresistibile, che buca le mani di un insicuro Kurto. Dieci minuti dopo però arriva il pareggio, firmato da Malki deviando di testa una punizione calciata da Fledderus. La partita adesso si fa spettacolare, tanto che l’equilibrio dura appena quattro minuti. Al 39’ van La Parra firma il gol più bello della giornata, con uno splendido pallonetto da fuori area che scavalca Kurto, questa volta incolpevole, e si infila nel sette. Pur non giocando un gran primo tempo, i padroni di casa vanno negli spogliatoi in vantaggio.

Gli ospiti però partono fortissimo ad inizio ripresa, gettandosi in avanti alla ricerca del pareggio. Già dopo 50 secondi Németh fallisce un gol fatto, mandando la palla sopra la traversa a pochi passi dalla porta. Gli uomini in maglia gialla insistono, ma subiscono la beffa al 53’, quando Finnbogason, a tu per tu con Kurto, con un pregevole colpo sotto gonfia la rete portando i suoi sul 3-1. Al 60’ Marecek potrebbe portare già a 4 i gol per i frisoni, ma arrivato davanti a Kurto si fa ipnotizzare da quest’ultimo. Gol sbagliato gol subito? Neanche per sogno, visto che due minuti dopo, Donald fa di peggio: Malki solo davanti a Nordfeldt è altruista, servendo il meglio posizionato Donald, ma l’ex giocatore dell’Ajax manda incredibilmente la sfera a lato. Nel festival dei gol sbagliati, al 68’ arriva il turno di Finnbogason: Djuricic manda in porta l’islandese, che però sbaglia tutto non inquadrando lo specchio della porta. Al 76’ arriva l’inaspettato gol degli ospiti che riapre la partita: è il difensore centrale Biemans, con un bel colpo di testa su cross di Donald, a siglare il goal del 3 a 2. Passano appena quattro minuti e gli uomini di van Basten ristabiliscono le distanze: gran tiro di Finnbogason, Kurto respinge, ma van La Parra è lesto a ribadire in rete, siglando la personale doppietta. La partita però è tutt’altro che chiusa, perché gli ospiti ci mettono due minuti a riaprirla nuovamente. Su azione nata dal calcio d’angolo, è il solito Malki a battere di testa Nordfeldt. Incredibile la disattenzione dei giocatori frisoni sulle palle inattive: tutti e 3 i gol, infatti, sono nati da situazioni di calci da fermo. A 30 secondi dal 90’ Hupperts firma l’ incredibile 4-4 con un gran tiro da fuori area che sbatte sulla faccia interna della traversa e si infila alle spalle di un incredulo Nordfeldt.
Finisce così una partita incredibile: otto gol, tantissime occasioni, e soprattutto tanti, ma tanti errori da entrambe le parti. Per van Basten e i suoi è un pareggio durissimo da digerire, visto che bastava davvero un pochino di attenzione in più per portare a casa il risultato, che sarebbe stato fondamentale per dare fiducia a squadra e tifosi.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top