L'Ajax soffre contro un caparbio Willem II, ma vince 2-4 e riapre la sua Eredivisie

Per gli uomini di Frank de Boer si tratta della settima vittoria consecutiva in Eredivisie

Nel catino dell’ Koning Willem II Stadion  l’Ajax di Frank De Boer ha la chance per svoltare un campionato che finora ha offerto poche certezze e molti punti di domanda : una eventuale vittoria permetterebbe di ridurre il gap nei confronti delle capoliste Psv e Twente a un solo punto di distacco, visto soprattutto il pareggio del Psv di Advocaat a Nijmegen di appena 24 ore prima.
Per ottenere l’intera posta in palio l’ex terzino sinistro dei Lancieri conferma in toto la squadra vincitrice settimana scorsa all’Amsterdam Arena col Groningen, mentre Streppel  modifica solo leggermente il suo 4-2-3-1, inserendo Van Buuren da centrale al posto di Peters.
Dopo i primi minuti di sostanziale studio, l’Ajax decide di uscire forte e di mostrare i 22 punti di distacco che separano le due squadre in classifica a inizio match; dopo 6 minuti Hoesen scalda le mani al belga Mul con un tiro forte ma centrale respinto di pugno. Alla seconda occasione, la squadra passa: all’11’ De Jong inizia e rifinisce un’azione da sinistra, spinto alla conclusione defilata da sinistra da Boerrigter con un pregevole colpo di tacco. Il tiro rasoterra è forte, ma la complicità di Mul è evidente ( il portiere non copre il suo palo e sembra partire con colpevole ritardo).
Tempo di riorganizzarsi per il Willem che l’Ajax ha già raddoppiato; disimpegno molto elegante di Moisander  e palla lunga a scavalcare la difesa; la diagonale difensiva di Jallo è rivedibile, coi piedi Mul questa volta anticipa Fischer ma non può nulla per evitare che l’accorrente Hoesen depositi in rete di sinistro. 0-2 e partita in ghiaccio? Assolutamente no!
Avviene infatti l’impensabile: l’Ajax si siede sugli allori e nel giro di altri dieci minuti avviene l’incredibile rimonta. Prima al sedicesimo una caparbia azione da sinistra di Guyt permette a Joachim di segnare da breve distanza, poi al 28’ è sempre Guyt a mandare in porta Snijders con un bell’assist per vie centrali che da pochi passi fredda in spaccata Vermeer: in questo caso è Blind a omettere di salire  per far scattare la trappola del fuorigioco, permettendo all’ex Vitesse la sua prima rete in Eredivisie.
Dopo una prima mezz’ora di fuoco i ritmi si abbassano e prima dell’intervallo non succede altro, vuoi per lo shock dell’Ajax, vistosi rapidamente recuperare una partita che sembrava in cassaforte e nella quale era andato vicinissimo al 3-1 con un miracolo sulla linea di Akouili su tiro sporco di De Jong, vuoi perché alla fine il Willem II è più che soddisfatto del risultato maturato.
La trama della partita non cambia nei secondi 45’ minuti: l’Ajax prova a vincerla, e il Willem si rende pericoloso in contropiede (Joachim impegna subito dopo il fischio d’inizio Vermeer a un intervento non semplice).
Al  54' episodio dubbio in aerea di rigore, Eriksen alla “Totti” ( con un tacco di bellezza enciclopedica), mette Fischer davanti a Mul che lo tira giù:  l’arbitro Blom lascia proseguire tra le (timide, in realtà) proteste dei Lancieri. La situazione cambia al 66’: fuori il danese Fischer e dentro Lukoki.
La freschezza atletica del neo-entrato farà tutta la differenza del mondo permettendo all’Ajax di dare maggiore quantità al gioco offensivo che si era fatto decisamente sporadico nel corso della seconda frazione: al 72' arriva il terzo vantaggio dei Lancieri, quello che risulterà decisivo. Bel corner dentro di Eriksen, spizza per la sponda sul secondo palo de Jong e Moisander appoggia dentro di piatto coronando una partita da migliore in campo. Il Willem non ne ha più ma mantiene il campo più che dignitosamente; nonostante questo il 4-2 arriva ad appena  cinque minuti dal termine, sempre su una eccellente imbeccata di Eriksen (e che Dio non voglia che le sirene inglesi ci privino del suo talento già a Gennaio) che  permette a Lukoki di segnare e festeggiare ballando: gol meritatissimo ed esultanza vistosa ma tollerabile, visto l’impatto nel match.
Al fischio finale è tempo di consapevolezze che possono rincuorare entrambe le formazioni: come al solito l’Ajax se la giocherà per la vittoria finale, mentre il Willem II può però lottare e anche bene per rimanere nella massima serie ( e gli applausi convinti del pubblico pagante devono essere l’incentivo a crederci fino alla fine).

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top