Finnbogason ed Havenaar duellano a suon di goal. Pari ad Arnhem tra Vitesse ed Heerenveen


Nella 30° giornata di Eredivisie si scontrano, nell'anticipo serale, Vitesse Arnhem ed Heerenveen. Le pretese sono diverse nei rispettivi spogliatoi: i gialloneri devono assolutamente vincere per consolidare la seconda posizione e sperare in un favore del Twente per riaprire in exstremis la lotta per il titolo. La squadra di Marco Van Basten è chiamata, invece, a racimolare un complicato bottino fra le mura delle aquile per non perdere un posto nella zona play-off valevoli per l'Europa. 
Gli undici iniziali non presentano grandi novità rispetto alle previsioni, se non per la presenza di Mori al centro della difesa del Vitesse, a causa dell'assenza del capitano Kashia. 

Il primo tempo si apre con una fuga sulla fascia di Basacikoglu: l'esterno dei frisoni, però, non riesce a servire Finnbogason completamente libero. 
Il Vitesse risponde al 15' con una pericolosa conclusione di Qazaishvili, ma il pallone si spegne sul fondo. 
Il nipponico Havenaar sfiora il vantaggio al 27' con un colpo di testa, ma la sfera termina alta sopra la traversa. Lo stesso Havenaar, una manciata di secondi dopo, sigla la rete del vantaggio da posizione ravvicinata, sfruttando la pregevole l'imbeccata di Achenteh. Vitesse in vantaggio con il suo bomber d'area di rigore. 
L'Heerenveen reagisce prima con Ziyech, che impegna Velthuizen, e successivamente al 40' pareggia con un'azione di forza del solito Finnbogason. Prepotente l'incursione e la rifinitura del cecchino islandese, che vale l'1-1 momentaneo. La prima frazione di gioco termina in parità.

Nella ripresa Havenaar viene sostituito per una probabile distorsione alla caviglia rimediata nel primo tempo, al suo posto entra Bertrand Traorè. Al 58' l'Heerenveen passa in vantaggio con Basacikoglu: Sinkgraven crossa lungo dalla sinistra, Basacikoglu prende l'ascensore e schiaccia il pallone in rete, capovolgendo l'iniziale vantaggio del Vitesse.
La replica dei gialloneri di Bosz non si fa attendere e dieci minuti più tardi Atsu confeziona un assist al bacio per il giovane Traorè, che non sbaglia siglando il 2 - 2 ad Arnhem. L'Heerenveen punzecchia i padroni di casa, ma il muro giallonero non cade ulteriormente. La squadra di Bosz va vicino alla rocambolesca vittoria, ma Nordfeldt legge bene l'insidiosa punizione di Traorè nel finale. La partita del Gelredome termina, così, 2 a 2.

La gara ha rispettato le attese ed ha fornito grande spettacolo: il Vitesse ancor oggi dimostra una certa fragilità difensiva che non gli consente di ambire ed essere pronta a conquistare il titolo, nonostante la splendida stagione della squadra guidata da Bosz. La compagine di Marco Van Basten ha sfoderato una prestazione di grande compattezza, confermando il suo grandissimo potenziale offensivo. I frisoni si possono dire soddisfatti della gara disputata questa sera. 
Con il pareggio finale, il Vitesse si conferma in seconda posizione, mentre l'Heerenveen mantiene il suo posto nella zona playoff. 

(Fonte foto: www.sc-heerenveen.nl )


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top