I talenti del calcio olandese: Alireza Jahanbakhsh, talento iraniano del NEC Nijmegen


Il medio oriente di rado ci ha presentato grandi prospetti calcistici, ma Alireza Jahanbakhsh sembra smentire questo luogo comune. Alireza Jahanbakhsh è nato l'8 ottobre del 1993 a Qazvin in Iran. Tra il 2005 ed il 2008 entra cresce calcisticamente nelle squadra della sua città, per poi passare al Damash fino al 2010. La prima esperienza da professionista è con la maglia del Damash Tehran, che vestirà per una stagione collezionando 12 presenze. Fra il 2011 - 2013 veste la maglia del Damash Gilan, qui trova una discreta continuità scendendo in campo per 42 volte con 10 reti all'attivo. Le sue buone prestazioni gli permettono di ricevere un pass diretto per l'Olanda, con destinazione Nijmegen, alla corte del NEC.
Dopo un comprensibile inizio stentato, l'esterno iraniano trova il posto da titolare. Alireza Jahanbakhsh terminerà la stagione con 29 presenze e 5 marcature, fondamentale sopratutto la doppietta all'ultimo respiro contro l'Ajax che ha permesso al NEC di conquistare un posto nei playout e non retrocedere direttamente. 




Alireza Jahanbakhsh è un giocatore estremamente dinamico, la prima caratteristica che balza agli occhi è la predisposizione a scendere sino alla difesa per recuperare palloni preziosi ed è lo stesso giocatore a far ripartire l'azione. Gli anglosassoni parlerebbero di un giocatore "box to box" e questo atleta incarna al meglio questa definizione. Il suo ruolo prediletto è l'ala destra, dove dal suo piede possono nascere innumerevoli giocate ed occasioni. Fisicamente è alto 1,80 m e dimostra una discreta attitudine al dribbling, quello che balza agli occhi è la sua forza fisica e caparbietà. Jahanbakhsh non ha problemi nel subire cariche da difensori più prestanti fisicamente, mantenendo il pallone incollato ai piedi. Le partite con la giovanile iraniana hanno dimostrato che Jahanbakhsh sa prendersi sulle spalle la squadra senza troppi affanni. I calci piazzati sono un'altra prerogativa dell'ala iraniana, il suo tipo di conclusione preferita è il destro a giro: le sue traiettorie sono velenose per gli estremi difensori avversari e non di rado mandano a rete i compagni. Nonostante l'età molto giovane ha conquistato la nazionale maggiore e probabilmente sarà una delle note positive dell'Iran ai prossimi mondiali. Sicuramente il NEC Nijmegen, se riuscirà a trattenere il suo gioiello anche in Eerstedivisie, dovrà ripartire da questo ottimo prospetto. 


Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!
 

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top