Feyenoord, Rutten non rinnova. Pronto il duo Van Bronckhorst-Van Gastel per la panchina


E' guerra fredda, al momento, tra il Feyenoord ed il suo allenatore. Sono passati 3 mesi (88 giorni, per la precisione) da quando Martin van Geel ha proposto a Fred Rutten, allenatore dei Rotterdammers, di confermare la propria permanenza al De Kuip.


Alla base dell'incertezza circa il rinnovo del contratto, a quanto pare, ci sarebbero alcuni dissapori tra l'allenatore ed i suoi assistenti, Giovanni van Bronckhorst e Jean Paul van Gastel, ritenuti intoccabili dalla dirigenza in quanto icone del club di Rotterdam.
Il silenzio di Rutten, quindi, lascia spazio ai rumors di mercato. Nelle ultime ore, infatti, stanno circolando con sempre maggiore insistenza le voci di un suo ritorno ad Enschede dove, nell'ambito di un restyling della dirigenza del Twente, gli sarebbe stato offerto un ruolo di direttore tecnico dei Tukkers.

L'incertezza che gravita intorno alla squadra, intanto, rischia di innervosire una piazza esigente come quella di Rotterdam: dopo la seconda sconfitta in tre gare di campionato, alcune voci importanti hanno chiesto chiarezza all'allenatore. A scomodarsi è stato addirittura Van Hanegem, leggenda dei Rotterdammers, che nel criticare le ultime scelte di Rutten, ha chiesto al cinquantatreenne allenatore di rivelare le proprie intenzioni per restituire fiducia alla squadra.

Così in pole position, per il ruolo di allentore nella prossima stagione, si stanziano Van Bronckhorst e Van Gastel, uomini vicini a Koeman e con cui l'attuale tecnico alla guida del Feyenoord, sotto sotto, non è mai andato troppo d'accordo.
L'asse anti-Rutten, alla vigilia della sfida contro la Roma, valida per l'andata dei sedicesimi di finale di Europa League, si rinsalda sempre di più, mentre il clima a Rotterdam resta sicuramente poco disteso.



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top