Il PSV schianta il Dordrecht ed entra nella storia



12 partite casalinghe, 12 vittorie. È un PSV Eindhoven da record quello andato in scena finora in Eredivisie, capace di schiantare per 3-0 le pretese di un Dordrecht fanalino di coda in campionato e arrivare dove mai i Boeren erano arrivati: riuscire a portare a casa i 3 punti nelle prime 12 partite casalinghe di campionato, cosa mai successa prima d’ora al PSV. Il gap tra la squadra di Cocu e l’Ajax di De Boer, oggi fermata sull’1-1 dal Willem II a Tilburg, è aumentato a ben 14 punti, che, statistiche alla mano, è il maggiore della storia da quando vengono assegnati 3 punti per la vittoria, ovvero dal 1996: in queste 24 stagioni nessuna squadra era riuscita a fare terra bruciata come sta creando il PSV, che si avvia verso il 22° titolo, che potrebbe avvicinarsi ulteriormente già domenica prossima quando a far visita al Philips Stadion saranno proprio gli avversari dell’Ajax (1° marzo alle ore 16:45).


Dopo la deludente sconfitta in Europa League in casa contro lo Zenit San Pietroburgo, il PSV si rituffa sul campionato e passa subito in vantaggio dopo nemmeno 4’ di gioco, con Fortes che butta il pallone nella sua porta sul traversone dalla destra di Willems, nel disperato tentativo di anticipare un avversario nell’area di rigore. I Boeren meriterebbero il raddoppio, ma Depay, steso da Kurto (sarebbe stato rigore ed espulsione del portiere ospite), viene pescato ingiustamente in fuorigioco dall’assistente dell’arbitro Vink.

Nella ripresa Klaiber va vicinissimo al clamoroso pareggio con un destro che finisce di poco oltre il palo sinistro della porta di Zoet, sorpreso poco più tardi dal colpo di testa di Steenvoorden che impatta sull’incrocio del pali. Un controllo di palla di Brenet (schierato oggi al posto di Arias) viene intercettato, secondo l’arbitro volontariamente, dalla mano di Haddad, che viene ammonito e porta al rigore per il PSV, trasformato poi dagli 11 metri da De Jong, che sale a quota 14 gol in questa Eredivisie: nonostante i due giocatori siano vicini, il braccio è largo e sembra perciò giusta l’interpretazione del direttore di gara, probabilmente aiutato anche dal primo assistente. 

Il Dordrecht potrebbe ritornare in partita con una conclusione di Klaiber dal limite dell'area che sbatte sulla parte interna della traversa e rimbalza a terra, prima che Zoet si impossessi del pallone: Vink lascia correre, anche se dalle immagini si nota come il pallone probabilmente avrebbe oltrepassato completamente la linea di porta. Al 70' Bruma insacca il terzo gol sugli sviluppi di un calcio d'angolo e chiude la partita. Per il Dordrecht la strada verso la salvezza è tutta in salita, dati i 6 punti dal NAC Breda penultimo, mentre per il PSV quella verso il titolo sembra spianata..




(Fonte foto: www.nusport.nl)

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top