La meravigliosa doppietta di Achahbar decide il big match tra Feyenoord e PSV. L'Ajax ringrazia e va a -8 dai Boeren

  • Depay è il primo giocatore del PSV Eindhoven dalla stagione 2011-12 a segnare più di 17 gol in una sola stagione: in quell’anno Mertens ne firmò 21 e Toivonen 18.
  • Achahbar è andato a segno con 3 dei suoi ultimi 5 tiri in porta per il Feyenoord, decidendo, oltre alla gara contro il PSV, la partita di domenica scorsa in casa del Dordrecht con un suo gol al 92’.
  • Il precedente d’autore: l’ultimo successo del PSV in casa del Feyenoord risaliva al 20 settembre 2009, quando i Boeren, allora guidati in panchina da Rutten, espugnarono Rotterdam per 3-1 grazie alla doppietta di Koevermans e al gol di Bakkal, intervallati da quello di Slory.
(statistiche tratte dall’account Twitter @OptaJohan)

Dopo la sconfitta casalinga di qualche settimana fa contro l’Ajax, l’ultimo vero ostacolo della corsa del PSV Eindhoven verso il titolo d’Olanda era proprio la trasferta al De Kuip, in casa di una delle squadre più in forma e più forti del campionato, il Feyenoord. Il big match della 28.a giornata di Eredivisie è stato deciso dalla bellissima doppietta di Anass Achahbar, attaccante olandese di origine marocchina classe ’94, che ha inflitto ai Boeren il quarto k.o. di questo campionato e parzialmente riaperto il discorso-scudetto: l’Ajax di de Boer, vincendo la gara contro l’ADO, ha accorciato le distanze dal PSV, ora sopra di appena 8 punti. Dopo il 4-3 dell'andata in una partita memorabile, era logico aspettarsi spettacolo anche in questa sfida, e così è stato.

PRIMO TEMPO - Tanto studio da parte delle due squadre e poche reali occasioni da gol nei primi venti minuti di gara, che si accende improvvisamente al 22’ con Depay, lanciato da Maher, che offre un paio di finte ai difensori del Feyenoord ma il suo tiro viene parato bene a terra da Vermeer. Il PSV prende il controllo della gara e si avvicina in più occasioni al vantaggio: de Jong ruba palla a Kongolo in difesa e serve uno smarcato Depay, ma i difensori riescono a recuperare, mentre poco dopo una conclusione dalla trequarti di Maher si stampa clamorosamente sulla traversa e ritorna in campo. Il Feyenoord spinge nel finale, ma nel complesso del primo tempo figura meglio la squadra di Cocu.

SECONDO TEMPO - La seconda frazione di gioco si apre con un calcio di punizione di Depay dalla lunga distanza che viene parato in due tempi da Vermeer. Molto bravo l’assistente dell’arbitro Van Boekel che, dopo che il direttore di gara aveva già decretato un penalty a favore dei Rotterdammers per un fallo di mano di Brenet, si accorge della posizione di fuorigioco di Manu, che aveva influenzato Brenet. Il Feyenoord prende in mano la partita e passa in vantaggio al 59’, con una semi-rovesciata di Achahbar in area sul traversone da centrocampo di Karsdorp, sulla quale Zoet non può opporsi. 

La grande chance per il pari dei Boeren accade già due minuti dopo, quando Depay si fa metà campo palla al piede in contropiede, ma manda alto sulla traversa il tiro finale. Al 63’ Achahbar supera di nuovo Zoet con un sinistro al volo su assist di Boetius, mentre Depay riapre la partita con una gran conclusione dalla distanza che si infila nell’angolino basso dopo alcuni rimbalzi, beffando Vermeer per l’1-2. Gli ultimi venti minuti sono di assedio totale dei PSV, che non riesce ad arrivare al pareggio e incassa, così, il quarto k.o. di questo campionato.

(Fonte foto: www.nu.nl)
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top