Champions League - Ajax, che spreco a Vienna! Lancieri rimontati da 2-0 a 2-2 contro il Rapid


L'Ajax spreca l'occasione di ipotecare il passaggio del terzo turno preliminare di Champions League già all'andata, in casa del Rapid Vienna. All'Ernst Happel Stadion, stadio che vide l'Ajax vincere la sua ultima Champions League nel 1995, i ragazzi di Frank de Boer mostrano la loro bipolarità, alternando momenti di bel calcio ad errori che sarebbero concessi ad una squadra amatoriale.
In campo, dal primo minuto, ci sono i nuovi acquisti Nemanja Gudelj e Mitchell Dijks, schierati titolari al pari di Riedewald e Tete, con quest'ultimo che prende il posto di Van der Wiel, in panchina. Con Fischer non al 100%, De Boer sceglie Sinkgraven come esterno di sinistra del tridente, completato da El Ghazi e Milik.
Con una media età di 21 anni e 165 giorni, l'Ajax scende in campo con metà del proprio undici composto da calciatori nati tra il 1995 ed il 1996: per rendere l'idea, alcuni di loro, nel momento in cui Kluivert segnava il goal del definitivo 1 a 0 sul Milan nella magica notte di Vienna, non erano ancora nati.

Il primo tempo è chiaramente di marca olandese. Gli ospiti gestiscono al meglio la superiorità che si viene a creare grazie al movimento dei propri avanti e trova il goal ben due volte con Klaassen, il cui inserimento sugli inviti di Sinkgraven e Milik è in entrambi i casi perfetto. L'ultima gara in cui il talentuoso centrocampista dell'Ajax aveva segnato più di una rete risale al dicembre del 2013: in quell'occasione Klaassen firmò una tripletta contro il NAC Breda.

Osservando i dati del primo tempo, che i biancorossi avrebbero potuto chiudere con il doppio delle reti segnate, il 2 a 2 finale è difficile da spiegare, considerata la qualità del gioco espresso dall'Ajax. La prestazione di Bazoer, Sinkgraven (tra l'altro schierato come esterno d'attacco, in un ruolo che non ha interpretato spesso precedentemente) e, ovviamente, di Klaassen è davvero ottima, ma nel corso della ripresa gli ajacied vanificano tutto con disattenzioni gravissime.
Così, al 48' Kainz accorcia le distanze e dopo mezz'ora succede l'inaspettato. La difesa, orfana di Heitinga e Van Rhijn, ha in Veltman il suo uomo più esperto, ma è proprio il difensore oranje a commettere un errore gravissimo in occasione del 2 a 2, permettendo a Beric di trovarsi a tu per tu con Cillessen e batterlo senza patemi d'animo.
Neanche l'espulsione di Schwab, tra le fila dei padroni di casa, arrivata al 59' per un orrendo fallo su Riedewald, complica la rimonta del Rapid, spinto dal fattore campo e dalla paura che, improvvisamente, assale i giovanissimi di De Boer.

A conti fatti, il risultato è positivo, in quanto la qualificazione, grazie ai due goal segnati in trasferta, resta ampiamente alla portata. L'appuntamento, ora, è per la settimana prossima, ad Amsterdam, dove l'Ajax avrà a disposizione due risultati su tre per ottenere il passaggio del turno.


Ecco il video con le reti di Rapid Vienna - Ajax:

All Goals - Rapid Wien 2-2 Ajax - 29-07-2015 di Video-Live






Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top