Guida all'Eredivisie 2015/16: l'Ajax


LA SQUADRA
Dopo aver dominato la scena per quattro stagioni consecutive, gli Ajacied hanno dovuto cedere il passo al PSV Eindhoven, dando vita ad una stagione di luci (poche) ed ombre (tante). Dissidi e polemiche hanno accompagnato le scelte della dirigenza, che quest'anno ha voluto subito regalare un rinforzo d'esperienza alla squadra, riportando ad Amsterdam un idolo locale quale John Heitinga.

Tranne che in attacco, dove Sigthòrsson e Kishna sono stati rimpiazzati dal talento della Germania Under 21 Younes e da Yaya Sanogo, in prestito dall'Arsenal, lo scheletro della rosa dell'Ajax dovrebbe rimanere lo stesso della scorsa stagione, rinforzato là dove si sono palesate alcune lacune. Lo stesso Frank de Boer, nonostante le richieste arrivate dalla Premier League, ha deciso di rimanere sulla panchina ajacide per riprendere il ciclo di vittorie bruscamente interrotto quest'anno. Fedele al 4-3-3, di concerto con il D.S. Overmars, De Boer ha chiesto alcuni giocatori più congeniali al suo gioco, salutando anche il ritorno di Dijks, che era stato lasciato andare frettolosamente via l'anno scorso. Per riaverlo è servita una maxi operazione con il Willem II, che ha ricevuto in prestito, tra gli altri, anche il gioiello Zivkovic.

Probabile formazione titolare (4-3-3): Cillessen; Van Rhijn, Veltman, Heitinga, Dijks; Gudelj, Klaassen, Sinkgraven; El Ghazi, Milik, Younes.

Obiettivo: vincere il campionato


LA CITTA'

Capitale d'Olanda, Amsterdam vanta una storia di non-conformismo, tolleranza e progressismo, ma anche un patrimonio artistico di grande rilievo. Il suo centro storico è rimasto intatto e non è stato stravolto da costruzioni moderne e, a causa dei suoi incantevoli canali che attraversano la città, la sua architettura imponente e più di 1.500 ponti, viene spesso chiamata la "Venezia del Nord".
Nata come un piccolo villaggio di pescatori nel tardo 12° secolo, Amsterdam divenne uno dei centri commerciali più importanti del mondo durante l' età d'oro olandese del 17° secolo, espandendosi nei secoli successivi, con molti nuovi quartieri e sobborghi progettati in stile modernista.

Definita da Montesquieu come "una delle città più belle del mondo", anche grazie ai suoi 100 canali attraversati da oltre 600 ponti e costeggiati dalle tipiche case olandesi, colorate, nessuna uguale all'altra, ma soprattutto molto strette. Il perchè di questa bizzarra scelta urbanistica va ricercata nel sistema fiscale in vigore nel '600, quando le tasse sugli immobili venivano calcolate in base alla loro larghezza.

LO STADIO
Inaugurato nell'agosto 1996 con un'amichevole disputata fra l'Ajax ed il Milan (che si impose per 3-0), l'Amsterdam ArenA è lo stadio più capiente dei Paesi Bassi ed arriva a contare circa 53.346 posti. Dotato di tutti i comfort, è tra gli stadi classificati "Elite" dall'UEFA, grazie anche alle misure di sicurezza di cui è dotato.
Lo stadio ha ospitato, tra le altre, la semifinale in cui l'Italia vinse ai rigori proprio contro l'Olanda e le finale di Champions League persa per 1 a 0 dalla Juventus contro il Real Madrid nel 1998 e di UEFA Europa League vinta dal Chelsea ai danni del Benfica nel 2013. Dopo la morte di Rinus Michels nel 2005, alcuni tifosi dell'Ajax tentarono di convincere l'amministrazione dello stadio a dargli il nome dell'allenatore ideatore del calcio totale. Gli amministratori respinsero la proposta, ma ad ogni partita casalinga appare quasi sempre uno striscione su cui c'è scritto Rinus Michels Stadion.



L'ALLENATORE LA STELLA
Frank de Boer - Emerso come uno dei tecnici emergenti più vincenti, Frank de Boer ha fatto del 4-3-3 basato sul possesso palla ed il gioco sulle fasce il suo credo tattico.
Quella che inizia a breve potrebbe essere la sua ultima esperienza in Olanda e per questo l'ex difensore di Ajax e Barcellona ha preteso che la propria rosa venisse rinforzata per dare vita ad un sempre più emozionante duello con il PSV Eindhoven.
Tra il canto delle sirene inglesi ed il sogno di allenare il Barça, De Boer continua a regalare all'Olanda ed all'Europa un gioco molto ragionato, fatto di giro-palla e tocchi di prima, in puro stile blaugrana.

Davy Klaassen - Il talento di Hilversum, dimostratosi più forte della sfortuna(un brutto infortunio ha rischiato di fargli lasciare il calcio da giovanissimo) è ora il leader di questa squadra. Classe 1993 ma esperienza da quasi veterano, questo campionato dovrebbe essere quello della sua consacrazione.
Disciplina tattica e tecnica sopraffina, si è calato perfettamente nel ruolo di numero 10 dell'Ajax e, da quest'anno, ha persino ottenuto la fascia di capitano, a dimostrazione di quanto, seppur poco più che ventenne, in campo rappresenti un punto di riferimento per i compagni di squadra.   





LA ROSA
NOME RUOLO NAZIONALITA'
Jasper CILLESSEN Portiere Olandese
Diederik BOER Portiere Olandese
Andrè ONANA Portiere Camerunense
Ricardo VAN RHIJN Difensore Olandese
Joel VELTMAN Difensore Olandese
Nicolai BOILESEN Difensore Danese
Mike VAN DER HOORN Difensore Olandese
Jairo RIEDEWALD Difensore Olandese
Kenny TETE Difensore Olandese
Nick VIERGEVER Difensore Olandese
John HEITINGA Difensore Olandese
Mitchell DIJKS Difensore Olandese
Daley SINKGRAVEN Centrocampista Olandese
Nemanja GUDELJ Centrocampista Serbo
Davy KLAASSEN Centrocampista Olandese
Thulani SERERO Centrocampista Sudafricano
Lucas ANDERSEN Centrocampista Danese
Riechedly BAZOER Centrocampista Olandese
Lasse SCHONE Centrocampista Danese
Viktor FISCHER Attaccante Danese
Yaya SANOGO Attaccante Francese
Anwar EL GHAZI Attaccante Olandese
Amin YOUNES Attaccante Tedesco
Arek MILIK Attaccante Polacco

CURIOSITA'
L'Ajax è la squadra olandese più vincente in Europa. Insieme al Real Madrid ed al Bayern Monaco, il club di Amsterdam è l'unico ad aver vinto la Coppa dei Campioni per tre volte consecutive (dal 1970 al 1973). Nella sua prima esperienza europea, però, le cose non sono andate troppo bene: nel 1957, infatti, gli ungheresi del Vasas eliminarono l'Ajax ai quarti di finale della Coppa dei Campioni.

La maglia numero 14, appartenuta a Johan Cruijff, è stata ritirata nel 2007. L'ultimo calciatore ad averla indossata è stato il centrocampista spagnolo Roger Garcia.

Nel 1995, sotto la guida di Louis van Gaal, l'Ajax ha vinto l'Eredivisie, la Coppa dei Campioni, la Supercoppa Europea e la Coppa Intercontinentale senza mai perdere una partita nel corso dei 90 minuti. Unica eccezione è stata la sconfitta (ai supplementari) contro il Feyenoord nei quarti di finale di Coppa d'Olanda.
Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top