Europa League - Groningen eliminato, Ajax ed AZ continuano a sperare

Serata fondamentale per l’Ajax in Europa League, praticamente costretto a dover battere i turchi del Fenerbahce per continuare l’avventura nella competizione continentale. Gli ajacidi sono scesi in campo con un 4-3-3 a trazione offensiva, caratterizzato dal tridente d’attacco composto da Milik, El Ghazi e Fischer, confermando in avanti gli stessi uomini che hanno umiliato il Roda. A differenza di quanto avvenuto in campionato, però, la gara di ieri è apparsa sin da subito difficile per i padroni di casa, che si trovano davanti una squadra scesa in campo con un atteggiamento difensivo e senza la necessità di tornare a Istanbul con i tre punti.
Le statistiche parlano chiaro: le occasioni da gol sono poche, il possesso di palla è equamente distribuito e ne l’una ne l’altra squadra cercano con forza la vittoria fino al secondo tempo. Proprio nella ripresa, la partita aumenta d’intensità: gli uomini di De Boer prendono coraggio mentre i turchi aspettano e ripartono in contropiede, rischiando di far male come accade all’82’ con Fernandao che per poco non manda la palla in rete. L’incontro dunque termina con uno 0-0 che va bene al Fenerbahce, ma terribilmente male all’Ajax che si trova a due punti dai turchi, con ancora però l’opportunità di raggiungere il secondo posto, passando però dalle prossime sfide in Scozia con il Celtic, e con la sorpresa Molde, già qualificato.

Dopo la vittoria di misura di due settimane fa, l'Augsburg regola l'AZ con un perentorio 4 a 1, in cui il mattatore è stato il paraguaiano Raul Bobadilla, autore di tre dei quattro goal con cui i tedeschi, ultimi in Bundesliga, hanno avuto la meglio sulla squadra di Van den Brom.
Tre legni per l'AZ, che oltre a recriminare per la sfortuna ha giocato una partita dimessa, in cui il goal di Kevin Janssen, per il momentaneo 2 a 1, è stato uno dei pochi lampi.
Nonostante la sconfitta e l'ultimo posto nel gruppo L, la squadra di Alkmaar ha ancora delle remote speranze di qualificazione, dovendo ospitare il Partizan Belgrado nella prossima gara, prima dell'ultima partita in casa dell'Athletic Bilbao capolista.
Matematicamente eliminato, invece, il Groningen, che disputa una buona partita all'Euroborg, pur facendosi battere nei minuti finali dallo Slovan Liberec. Sfortunati i biancoverdi di Van de Looi, beffati dall'autogoal del loro portiere Padt, sugli sviluppi di un calcio d'angolo.



Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top