Eredivisie - L'Ajax vince di misura a Den Haag contro un coriaceo ADO


La partita del Kyocera Stadion è balzata agli onori della cronaca per i vergognosi canti razzisti dei tifosi di Den Haag, ma risulta essere la quattordicesima vittoria in campionato dell'Ajax, la settima ottenuta lontano dalle mura amiche.
Privo di Klaassen, tornato dalla Turchia con un fastidio al ginocchio, Frank de Boer ha preparato i suoi uomini all'ambiente caldissimo dello stadio dell'ADO. 

In una prima frazione in cui registrano occasioni da ambo i lati, è l'Ajax a portarsi in vantaggio con Younes, che segna il goal che deciderà la gara: un lancio di Veltman, da metà campo, premia il taglio verso il centro dell'esterno tedesco, che controlla il pallone in corsa, si prende gioco di Wormgoor con un sombrero e batte Hansen con un furbesco tocco di sinistro. 
Arrivato in estate dal Gladbach, il classe '93 di origine libanese sta creando un bel problema di scelte al suo allenatore, ora chiamato a scegliere tra lui, Fischer e El Ghazi per sole due posizioni in attacco, senza tenere conto del giovanissimo Cerny, già ammirato prima della pausa invernale. Va da se, allora, che qualcuno potrebbe lasciare, con El Ghazi entrato, stando alle ultime notizie di calciomercato, nel mirino del Milan. Staremo a vedere.

La rete subita non abbatte la vis pugnandi dei gialloverdi di Fraser, che continuano sempre più spesso a schiacciare l'Ajax nella propria trequarti e giocare senza tirare indietro la gamba. Ne fa le spese Cillessen, che a inizio ripresa si becca un bel calcio in faccia da Ruben Schaken (solo ammonito) e perde conoscenza per qualche attimo. Quello che manca all'ADO, però, è la precisione: così di tante occasioni create da Duplan e Havenaar, nessuna di queste preoccupa realmente l'estremo difensore ajacide, chiamato in causa solo 2 volte negli undici tentativi di tiro da parte della squadra di casa.
Alla fine dei cinque minuti di recupero, quasi come una beffa, l'Ajax sfiora il raddoppio con il subentrato El Ghazi, la cui conclusione di testa, su assist acrobatico di Schone, impatta contro la traversa. Il pallone rimbalza sulla linea e viene messo in salvo da Hansen, ma per l'ADO è troppo tardi.


Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top