Eredivisie: AZ Alkmaar e Ajax danno vita a uno spettacolare pareggio


Dopo i rispettivi impegni in Europa League (vittoria contro il Celta per la squadra di Bosz, pareggio per quella di van den Brom, potenzialmente ancora in lotta per la qualificazione, in Israele contro il Maccabi Tel Haviv), Ajax e AZ danno vita a uno spettacolare pareggio, che rallenta la rincorsa al primo posto del club ajacide e mantiene la squadra di Alkmaar a ridosso delle prime posizioni della classifica di Eredivisie.

Senza Gudelj, mandato in tribuna dopo un diverbio con l’allenatore, per la terza volta in stagione gli amsterdammers sono costretti a dividere la posta in palio con gli avversari ma, stavolta, Davy Klaassen e compagni devono recitare un sonoro mea culpa per aver gettato al vento la vittoria dopo aver rimontato l’iniziale svantaggio.
In un AFAS Stadion gremito da oltre 16mila spettatori, i primi a passare in vantaggio sono i padroni di casa, che capitalizzano al meglio una ripartenza veloce di Garcia sulla fascia destra. Il cross teso e basso dell’interessante centrocampista dell’AZ, deviato in maniera netta e decisiva da Veltman, si trasforma in un assist d’oro per Wout Weghorst, che si ritrova il pallone davanti a sé e non ha difficoltà a superare Onana e insaccare il goal dell’1-0.
Sotto la pioggia battente di una domenica d’autunno olandese, l’AZ Alkmaar gioca brillantemente e mantiene il pallino del gioco per gran parte della prima frazione.
L’Ajax si affaccia in avanti solo in un’occasione, con l’attesissimo Kasper Dolberg, ma la potente conclusione del giovane attaccante danese viene deviata in corner dal portiere Rochet. 

Durante la seconda frazione di gioco, il registro di gara cambia decisamente. Tutto parte dall’iniziativa di Amin Younes, che intercetta un passaggio di Wuytens verso un compagno e serve sul filo del fuorigioco Bertrand Traoré. L’attaccante di proprietà del Chelsea, arrivato in estate dopo le insistenze di Bosz, trova il pareggio con una dolce conclusione con il piede sinistro che lascia poche speranze a Rochet.
Il goal regala coraggio all’Ajax, che si getta all’attacco alla ricerca del vantaggio che capovolgerebbe il risultato. Protesa in avanti, la squadra di Amsterdam segna il goal dell’1-2 con Klaassen, lesto ad approfittare della doppia ribattuta del portiere dell’AZ su azione insistita di Younes.
Nel momento di gara più buio, iniziato con i due goal subiti e proseguito con l’allontanamento dell’allenatore Van den Brom per proteste verso l’arbitro Van Boekel, l’AZ trova il goal che ristabilisce la parità. L’autore del 2-2 al 79’ è ancora Wout Weghorst, che davanti a Onana non perde l’attimo per trasformare in rete un traversone di Jahanbakhsh proveniente dalla destra. 
Nel finale di gara entrambe le squadre schiacciano sull’acceleratore per cercare la vittoria, sfiorata solo dalla compagine di Alkmaar che colpisce una traversa nel finale con il subentrante Dos Santos. 
Al termine di una gara divertente, AZ e Ajax possono dirsi soddisfatte a metà, potendo recriminare per non aver saputo chiudere la partita o, almeno, gestire il vantaggio.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top