Eredivisie: l'Ajax inizia con il piede sbagliato. Scivolone al debutto in casa dell'Heracles Almelo



Inizia già con il piede sbagliato la stagione 2017/18 dell’Ajax, che inciampa già nella prima partita di Eredivisie, venendo sconfitta per 2-1 in casa di un volitivo Heracles Almelo, che si conferma una squadra da non sottovalutare, soprattutto tra le mura amiche del Polman Stadion, dopo una scorsa stagione condotta a ridosso dei Play-Off per l’Europa League. La sconfitta di Almelo è un’altra battuta di arresto per la compagine di Marcel Keizer, dopo il duro colpo del dramma, durante la preparazione estiva, di Abdelhak Nouri e della cocente eliminazione nel terzo turno preliminare di Champions League contro i francesi del Nizza.

Questo è un pessimo inizio”. Non usa troppi giri di parole il tecnico Keizer per descrivere la partita d’esordio del massimo campionato olandese per gli ajacidi, i quali sono stati privi del difensore centrale Davinson Sánchez, non convocato per la sfida di ieri perché sul piede di partenza direzione Londra, dove il Tottenham Hotspur avrebbe offerto la bellezza di 40 milioni di € per il suo cartellino.


Dopo un primo tempo inchiodato sullo 0-0 di partenza, è Ziyech al 56’ a portare l’Ajax in vantaggio, mandando nel sette una conclusione micidiale su assist di Younes, che si era accentrato e aveva fornito un’ottima palla sui piedi del numero 10 ajacide. Passano nemmeno 10 minuti e l’Heracles trova il pari con una girata sotto porta di Gladon, che beffa il lento ed inesperto De Ligt e deposita in rete l’1-1. All’82’ ci pensa Kuwas a far esplodere di gioia il Polman Stadion con un destro che non lascia scampo a Onana e consegna ai suoi la vittoria.

Heracles Almelo-Ajax 2-1: ecco gli highlights




Foto in copertina © ProShots


Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.

Ti è piaciuto l'articolo? Vieni a parlarne su Facebook, sulla pagina ufficiale del blog Calcio Olandese!

CONVERSATION

0 Commenti a quello che hai letto:

Posta un commento

Back
to top